martedì, Agosto 3

Kejriwal: "Modi è un codardo e uno psicopatico"

0

Modi è un codardo e uno psicopatico … Quando il premier Modi non può gestire i fatti politicamente, ricorre a questa vigliaccheria (sic)“, ha twittato da Delhi il Primo Ministro Arvind Kejriwal. A questo sfogo di rabbia e veleno contro il Premier indiano, l’ultimo di una lunga serie nella giornata di ieri, è seguito un raid contro gli uffici di Kejriwal, ufficiale preferito del governo di Delhi, e della sua segretaria principale, Rajendra Kumar, implicati nella revisione della legge CBI . Il Ministro indiano non può non tener conto delle accuse a Kumar, direttore della Pubblica Istruzione e poi Segretario (IT), segretario (sanità) e il commissario (IVA).

Un burocrate anziano, ex membro e segretario Dialoghi della Commissione di Delhi, Ashish Joshi, è stato escluso dal Governo indiano dopo che ha riferito ha avuto un battibecco per una nomina politica di AAP nella Commissione di Ashish Khaitan nel giugno di quest’anno, con la presentazione di una denuncia dettagliata contro Kumar all’Ufficio anti-corruzione indiano. Joshi aveva sostenuto che Kumar  aveva causato perdite finanziarie al Governo nel costituire diverse società di assegnazione per ordini di lavoro dei Dipartimenti indiani senza gare d’appalto (come la stessa Endeavours Systems Pvt Ltd insieme ad alcuni soggetti nel 2007, quando era Segretario IT e una società per imprese nel settore pubblico senza gare appalto). Arvind Kejriwal ha alle spalle una sentenza della Corte suprema del 2014 che ha annullato la clausola di ‘Verdetto singolo’ nei suoi confronti contenuta nella legge CBI. Il tribunale aveva detto precedentemente che le forze dell’ordine non hanno richiesto alcuna autorizzazione preventiva da parte del Governo di perseguire un ufficiale (Kejriwal) e la sua segretaria che aveva il ruolo di Segretario comune e per di più a livello penale, quindi ora che il suo Partito è al potere da un anno e mezzo tale giudizio andrebbe del tutto ribaltato rispetto al 2014  a causa della sua attuale posizione politica?

(tratto dal canale ‘Youtube’ di ‘Oneindia News’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->