Kadyrov accusa il Ministero della Difesa russo per i fallimenti in Ucraina Kadyrov ha messo in discussione la competenza operativa della massima leadership militare del Paese. Se Kadyrov proverà a defenestrare Shoigu, dovrà affrontare una dura opposizione da più parti, anche se il Cremlino potrebbe non essere contrario

Si dice che agosto sia il mese più crudele in Russia, quello che porta grandi sconvolgimenti politici, imbarazzanti battute d’arresto sul campo di battaglia, e varie catastrofi, sia naturali che umane. Ma si potrebbe sostenere altrettanto anche per settembre, che è stato segnato, tra l’altro, dai micidiali attentati dinamitardi nel 1999 che hanno portato alla seconda guerra cecena e dalla carneficina cinque anni dopo a Beslan, che ha spinto il Cremlino a cancellare le elezioni popolari dei governatori russi. E sebbene settembre 2022 non sia ancora finito, ha già generato un mucchio di instabilità per il Cremlino, facendo meravigliare quali reazioni potrebbero seguire da alcuni ambienti.

Il primo giorno dell’autunno è iniziato con le forze ucraine che hanno bombardato le città occupate di Enerhodar, Nova Kakhovka e Rubtsi, nonché due villaggi nell’oblast di Kursk in Russia. Gli attacchi sembravano una conferma del fatto che l’Ucraina aveva iniziato a ‘modellare’ operazioni nel sud-est per preparare il campo di battaglia a una controffensiva.

Sembra, tuttavia, che la leadership russa non abbia preso questi segnali troppo sul serio. Quello stesso giorno, il Presidente Vladimir Putin era sul suo palco preferito, dicendo a un gruppo di scolari che «l’Ucraina non era mai stata uno Stato sovrano prima dell’istituzione dell’Unione Sovietica. Un tale Stato semplicemente non esisteva». Il giorno seguente, il Ministro della Difesa Sergei Shoigu ha preso parte a una teleconferenza durante la quale ha riferito che le forze armate russe avevano catturato Blahodatne, un villaggio nell’oblast di Mykolaiv, con una popolazione di 474 abitanti. Shoigu ha anche affermato che i militari hanno preso il controllo di Pisky, lo stesso insediamento nell’oblast di Donetsk in Ucraina, la cui ‘liberazione’ era stata annunciata in precedenza da diversi altri funzionari, tra cui il capo della Repubblica cecena Ramzan Kadyrov.

In effetti, data questa confusione e l’impressione pervasiva che Shoigu stia diventando sempre più disconnesso e autoreferenziale, la notizia della ritirata russa da diverse città ucraine -la più grave sconfitta per le forze russe dal loro ritiro dall’oblast di Kiev- ha causato un rapido contraccolpo in tutta lo spettro politico e ha suscitato voci di un imminente rimpasto all’interno dei ranghi dei vertici siloviki.

Forse non sorprende che alcune delle critiche più aspre dirette alla gestione della situazione da parte del Ministero della Difesa russo siano state rivolte da Ramzan Kadyrov, sebbene non sia uno con un vero talento per le parole. «Non sono uno stratega allo stesso livello di quelli del Ministero della Difesa, ma sono stati commessi errori», ha detto il leader ceceno nominato da Mosca. Kadyrov ha aggiunto che, a meno che la strategia non venga modificata «oggi o domani», «sarò costretto ad andare dalla leadership del Ministero della Difesa e dalla leadership del Paese per spiegare loro la reale situazione sul campo», insinuando così che il Cremlino e i vertici della Russia potrebbero non avere un quadro realistico del vero stato delle cose nell’Ucraina orientale. Sebbene Kadyrov non abbia mai menzionato Shoigu per nome, il suo messaggio vocale di 11 minuti è stato, in effetti, un assalto ad hominem al più alto funzionario della difesa del Paese.

Conviene a un politico discutere certe realtà con eufemismi e circonlocuzioni, ma Kadyrov, che non sembra tenere in grande considerazione Shoigu e non è mai uno che lascia che i dettami del tatto o della cortesia si intromettano, chiaramente ha apprezzato attraversare la linea dell’accettabile discorso. Questo perché, in primo luogo, sapeva che stava riflettendo le opinioni di ampie fasce della società russa e della classe politica. In secondo luogo, il messaggio era probabilmente destinato principalmente a Putin, noto per la sua propensione per i discorsi diretti, senza fronzoli e occasionalmente crudi. E in terzo luogo, facendo alcuni attacchi non così sottili a Shoigu e promettendo che le sue forze riconquisteranno i territori perduti e «raggiungeranno Odesa nel prossimo futuro»

In verità, qualsiasi rimpasto in questa fase è destinato a essere interpretato come un’ammissione di fallimento, cosa che il Cremlino sarà restio a fare, ma le battute d’arresto in prima linea sono così dannose e la mancanza di strategie solide e coerenti così evidente, che molti hanno preso spunto da Kadyrov e hanno iniziato a mettere in discussione apertamente la competenza operativa della massima leadership militare, apparentemente sperando che Putin si allontanasse dalle sue pratiche di lunga data in materia di risorse umane.

Se Kadyrov ha davvero dei progetti sul lavoro di Shoigu, è probabile che il leader ceceno debba affrontare una dura opposizione da più parti. Il 12 settembre, il quotidiano russo ‘Novyye Izvestiya‘ ha pubblicato una lettera indirizzata a Putin e presumibilmente scritta dal leader veterano del Partito Comunista Russo Gennady Zyuganov. L’autore ha chiesto al Presidente russo di non nominare Kadyrov al vertice del Ministero della Difesa, in quanto le difese della Russia non dovrebbero essere affidate a un uomo che, facendo eco a una convinzione diffusa, «uccise senza pietà soldati russi durante la prima guerra cecena». Il giorno successivo, Zyuganov ha bollato la pubblicazione come una «sporca bugia» e ha minacciato un’azione legale, ma sorprendentemente è persistito poco rancore duraturo per l’incidente. Da allora il giornale ha rimosso l’articolo dal suo sito web, ma non si è scusato.
Il punto principale da sottolineare qui è che, data la possibilità, quasi ogni partito politico, ministero del potere o agenzia governativa, avrebbe potuto denunciare Kadyrov, dal momento che molti lo vedono come un pericoloso parvenu provinciale che possiede troppo potere e rappresenta una potenziale minaccia. Ma nessuno lo ha fatto.

Kadyrov sa cosa deve fare per ottenere ciò che vuole. Tali politici sono sempre esistiti, ma il leader ceceno è che è brutalmente diretto e implacabile nel perseguire i suoi obiettivi. Il suo titolo è l’assalto frontale calcolato, un approccio apprezzato in tempi di crisi o sfide imprevedibili. Non c’è da stupirsi che i propagandisti russi abbiano cantato le sue lodi ultimamente (vedi EDM , 29 giugno).

Kadyrov ha ottenuto un’altra vittoria. Non solo ha aggredito il più alto funzionario militare del Paese, ma ha dato ad altri lo slancio di mettersi alle calcagna di Shoigu e scrutare la leadership dell’esercito russo, a cui non importava mai molto di Kadyrov, con crescente malevolenza. Ma quel cambiamento gioca solo nelle mani del leader ceceno.

In effetti, proprio la scorsa settimana, Kadyrov, apparentemente frustrato dall’inefficacia del comando russo e dal mancato raggiungimento di nessuno dei suoi obiettivi strategici, ha invitato i suoi colleghi governatori regionali aautomobilizzarsi‘, equipaggiare e addestrare 1.000 coscritti ciascuno e quindi inviare i nuovi 85.000 nella zona di guerra. «Non dobbiamo aspettare che il Cremlino dichiari la legge marziale o sederci ad aspettare la fine dell’operazione militare speciale in Ucraina», ha scritto Kadyrov, esprimendo chiaramente il suo dispiacere per la mancanza di qualsiasi azione reale in relazione al debacle in Ucraina. L’annuncio di Putin, mercoledì, che la Russia attuerà una mobilitazione ‘parziale’ potrebbe benissimo essere un tentativo del Cremlino di riprendere l’iniziativa e galvanizzare figure conseguenti, come Kadyrov, per continuare a sostenere lo sforzo bellico in Ucraina.