martedì, Ottobre 26

Juventus-Real Madrid: i numeri e le curiosità di una grande sfida In termini di vittorie, di uno è avanti il Real: 9 vittorie contro 8 bianconere, due pareggi soltanto. Si sono affrontate due volte in finale, una nel 1998 e l’altra nel 2017: ha sempre vinto il club spagnolo.

0

Il tre giugno ricordiamo tutti com’è finita. Male, per la Juve. La duodecima, invece, per il Real Madrid. Del resto, chi è abituato a vincere certi vizi non li perde. È il caso proprio dei blancos, che cancellarono il sogno Triplete ai campioni d’Italia. E che trionfarono come poche volte nella storia delle finali di Champions League. L’eterna sfida tra bianconeri e merengues fa parte della storia moderna del calcio, un duello che si è giocato esclusivamente nella principale competizione europea.

Ma quali sono i numeri di questa grande sfida? La redazione di Sports Bwin ha realizzato un’interessante infografica che racchiude i numeri e le curiosità di Juventus-Real Madrid.

Innanzitutto, questo sarà il 20° match tra Juventus e Real Madrid in competizioni ufficiali: i precedenti sono stati giocati sia in Coppa Campioni che in Champions League. Mai altrove. Nella storia della competizione, solo Bayern e Madrid si sono affrontati più volte: ben 24.

In termini di vittorie, di uno è avanti il Real: 9 vittorie contro 8 bianconere, due pareggi soltanto. Si sono affrontate due volte in finale, una nel 1998 e l’altra nel 2017: ha sempre vinto il club spagnolo. Che ha rispetto della Vecchia Signora come se fosse un romanzo d’autore, con ambientazioni tutte marchiate Uefa Champions League.

Non solo in campo, Coppa Campioni a parte, i palmarés di Real e Juventus più o meno si assomigliano: tante vittorie nel campionato soprattutto per i bianconeri, arrivati a un totale di 61 trofei (63 secondo il conteggio della società). 88, invece, per le merengues.

In ogni caso, nelle sfide di andata e ritorno, la Juve si considera come la bestia nera dei blancos: nelle ultime quattro occasioni della fase ad eliminazione diretta, il Real non ha mai battuto la Juve. Ne 1996, i bianconeri eliminarono i bianchi di Spagna ai quarti; nel 2003, gli spagnoli fuori in semifinale; due anni dopo ancora Juve avanti negli ottavi di finale. Infine, nel 2015 l’altra semifinale persa dai Galacticos ad opera del figliol prodigo Alvaro Morata.

No, non c’è un favorito: c’è solo una grande sfida. Fatta di campioni del calibro di Di Stefano e Cristiano Ronaldo, i maggiori cannonieri del Real in Champions. E fatta dai Del Piero e dagli Higuain: passato e presente di una Juve che ha saputo rinnovarsi nel corso degli anni.

Il bomber più prolifico della sfida è ancora CR7, che ha superato Del Piero con la doppietta incassata da Buffon nella notte di Cardiff. Eppure, qualche punto debole il Real ce l’ha: incassa oltre un gol di media a partita in trasferta, e Keylor Navas si è dimostrato non irreprensibile soprattutto con attacchi pronti ad attaccare gli spazi. Certo, in Champions è un’altra storia: lo stesso Bernabeu cambia d’intensità.

Se la Juve dovesse riuscire a mantenere la porta inviolata, la probabilità che si arrivi al successo può essere importante: in 8 sfide a Torino la Juve ha perso solo la prima, ben 45 anni fa. Da allora, il Real ha raccolto solo un pareggio e sei sconfitte. La dice lunga. Lunghissima.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->