martedì, Maggio 18

Joe Biden, l’appello per la lotta al cancro

0

L’ex vicepresidente americano Joe Biden ha un conto in sospeso con il cancro. Nel 2015 questo terribile male gli ha portato via il figlio Beau, 46 anni. Da allora non ha perso occasione per spingere la politica e il mondo della scienza a investire nella ricerca. Nel 2016 poi la nascita della White House Moonshot Cancer, una task force per l’individuazione di un percorso di ricerca internazionale destinato a sradicare il cancro e alla creazione di un database all’Università di Chicago con i dati genetici di pazienti di tutto il mondo.

E durante l’ultimo festival annuale ‘South by Southwest’ ad Austin, Texas (SXSW Conference and Festivals) Biden ha lanciato un nuovo accorato appello all’industria tech mondiale affinché destini energie e fondi alla lotta contro il cancro. «La vostra generazione potrebbe essere la prima generazione sulla terra che affronta la vita con un’attitudine completamente diversa, che il cancro possa essere prevenuto… invece che essere una sentenza di morte», ha detto Biden. «Voi siete il futuro, abbiamo bisogno del vostro aiuto», ha ripetuto, ma sa bene che è ancor più importante il finanziamento del governo. E con una certa emozione Biden ha ricordato: «Il vostro governo, che forse molti di voi non gradiscono, è il canale che stabilisce quali e quanti fondi arriveranno». Chissà se Trump sarà dello stesso avviso.

(video tratto dal canale Youtube di Usa Today)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->