sabato, Ottobre 16

Jaguar I-Pace: quando le macchine di lusso passano all’elettrico Spinta da motori elettrici per un totale di 400 cavalli, è progettata nelle sue linee per massimizzare il potenziale dell'alimentazione elettrica

0

Anche la Jaguar decide per la svolta elettrica. Presentato l’I-Pace, il primo suv elettrico della casa automobilistica che è già ordinabile a partire da circa 80 mila euro. L’auto,  lunga 4.682 mm e con un passo di 2.990 mm, le sue linee ricordano quelle della C-X75, la concept ibrida biposto presentata al Salone di Parigi nel 2010.

Spinta da motori elettrici per un totale di 400 cavalli, la I-Pace è anche progettata nelle sue linee per massimizzare il potenziale dell’alimentazione elettrica. La batteria, agli ioni di litio, è da 90 kWh ed ha un’autonomia di 480 km. I tempi di ricarica sono di 45 minuti per l’80% con corrente continua da 100 kW e di circa 10 ore con il wall box domestico da 7 kW.  nella I-Pace c’è anche la possibilità di selezionare i livelli di frenata rigenerativa per massimizzare l’efficienza della carica.

L’I-Pace è stata progettata nel Regno Unito e verrà prodotta presso lo stabilimento produttivo della Magna Steyr in Austria. Insomma anche le case più prestigiose si danno all’elettrico. Che sia davvero vicina la svolta?

(video tratto dal canale Youtube di Usa Today)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->