domenica, Aprile 11

Ivanka Trump, tra ambizioni presidenziali e la grana Russiagate La giovane rampolla punta in alto. Ecco alcuni particolari da conoscere

0

Ivanka Trump è data da molti come possibile alla candidatura alle presidenziali qualora il padre fallisse. Un desiderio che sembra essere coltivato soprattutto dal marito, ma al momento per la prediletta dell’attuale inquilino della Casa Bianca spuntano nuovi guai all’orizzonte.

Il procuratore speciale incaricato di fare luce sul Russiagate, Robert Muller, sta indagando anche su di lei. A dare la notizia è stato il ‘Los Angeles Times‘. Muller e il suo pool, a quanto riporta il quotidiano, stanno esaminando il ruolo avuto da Ivanka Trump nella vicenda del 9 giugno 2016. A quanto pare la figlia del presidente avrebbe scambiato poche parole con due russi in uscita dalla Trump Tower di Manhattan, dopo l’incontro con il fratello Donald Jr., il marito Jared Kushner e l’allora capo della campagna elettorale, Paul Manafort. A quanto sembra, Ivanka Trump non ha partecipato all’incontro con i russi ma ha parlato brevemente mentre si trovava in ascensore con l’avvocatessa Natalia Veselnitskaia, vicina al Cremlino, e con il lobbista Rinat Akhmetshin.

Sempre secondo il quotidiano, si sarebbe trattato di uno scambio di cortesie sulla base di quanto riportato da una persona che conosce il fatto. Gli investigatori, però, intendono conoscere ogni contatto che i visitatori russi hanno avuto con la famiglia di Trump e con tutte le persone della cerchia del presidente.

Il procuratore Muller sta investigando per capire se ci sia stata una dichiarazione ingannevole, concordata per nascondere il vero oggetto dell’incontro. Per questo lo staff di Muller sta cercando di verificare qualsiasi tipo di relazione tra l’avvocatessa russa e i membri dello staff e della famiglia del presidente, inclusa ora Ivanka Trump.

(video tratto dal canale Youtube della BBC)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->