sabato, Dicembre 4

Italiani in Azerbaigian: tutti azerbaigiani field_506ffbaa4a8d4

0

Baku – In occasione dei Giochi Europei si sono accesi i riflettori sull’Azerbaigian, la Repubblica caucasica sempre più al centro degli interessi economici e strategici europei, a partire dal settore energetico, guidata da un Presidente, Ilham Aliyev, espressione di una dinastia accusata di aver trasformato il Paese in una ‘cleptocrazia’, da tempo sotto i riflettori delle organizzazioni non governative impegnate nella difesa dei diritti umani -da Amnesty International all’European Stability Initiative– nel totale silenzio dell’Europa, Paese, altrsì, protagonista di un conflitto regionale latente, quello della contesa del Nagorno-Karabakh, insidioso non soltanto perché rischia di coinvolgere forti potenze regionali, ma anche perché potrebbe aprire un varco all’estremismo jihadista, che lo scorso anno ha fatto temere l’esplosione di un conflitto.

Un gruppo di cittadini italiani residenti in Azerbaigian in queste ore ha deciso di reagire a quello che viene definito unattacco mediatico’ da parte dei media europei, e ci ha fatto pervenire una lettera aperta che di seguito pubblichiamo integralmente.

 

 

 

Siamo tutti Azerbaigiani!!!

 

In Azerbaigian esiste una cospicua comunità italiana che, come accade in qualsiasi altro Paese estero, si conosce, si incontra e spesso si confronta sui fatti che accadono in Italia e in Europa. O talvolta invece si scambia opinioni su ciò che accade nel Paese che li ospita.

Quando si sta all’estero, c’è più interesse per ciò che accadefuori e dentro’ il mondo in cui si vive. Si è tutti più ricettivi. La ricerca di informazioni, di notizie diventa un’attività costante. Forse per la necessità di tenere un filo conduttore tra il luogo in cui si vive ed il paese di origine.

Noi Italiani, quando siamo all’estero, amiamo il nostro Paese molto di più di quanto siamo in grado di farlo quando siamo in Italia. Lo amiamo perché rimpiangiamo sempre le cose belle dell’Italia, quelle che ci hanno resi grandi ed importanti a livello internazionale. Come non rimpiangere la nostra buona cucina, le nostre città d’arte, le nostre isole, i piccoli paesi medievali sparsi qua e la nello stivale? Siamo fieri ed orgogliosi di vedere i nostri marchi nelle vetrine dei migliori negozi del centro, di incontrare persone straniere che indossano le maglie delle nostre squadre di calcio. E’ così gratificante parlare Italiano e sentirsi dire dal vicino di tavolo che la nostra lingua ha il suono di una poesia.

In poche parole è bello essere Italiani… quando si vive fuori dall’Italia.

Ogni Italiano all’estero, però, ha una ragione diversa che lo ha spinto ad allontanarsi dall’Italia: chi per amore, chi per volontà della propria azienda, chi per cercare lavoro, chi per fare impresa o semplicemente per la voglia di fuggire via. Ma il motivo per cui sei arrivato dall’altra parte del mondo in fondo non è mai così importante. La cosa che stupisce è la solidarietà che si crea tra concittadini, il bisogno di proteggersi l’uno con l’altro. La necessità di sentirsi appartenenti ad un’unica bandiera.

A Baku, nelle ultime settimane è successa una strana cosa. Per la prima volta gli Italiani, o almeno la gran parte di essi, si sono confrontati sull’attacco mediatico subito dall’Azerbaigian prima, durante e dopo l’organizzazione dei Giochi Europei. E la stragrande maggioranza di essi ha concordato sul fatto che questo attacco è stato del tutto inopportuno, forse manovrato, o comunque frutto di una grande ignoranza che aleggia in Europa sull’Azerbaigian e su tutta questa area geografica.

La cosa assolutamente inusuale è stato sentirsi tutti vicini ad un popolo ed una Nazione che non sono l’Italia, ma in cui tutti noi ci sentiamo a casa e che rispettiamo per gli sforzi compiuti dal crollo dell’Unione Sovietica ad oggi in tutti i settori, dall’istruzione all’edilizia, dalla valorizzazione della cultura e dello sport alla politiche internazionale e allo sviluppo sociale.

Abbiamo scoperto che in fondo ci sentiamo tutti Azerbaigiani!

Gli Italiani a Baku, attraverso questa lettera, vogliono esprimere il loro dissenso e il loro sdegno per tutti quegli articoli che fanno una critica ad un Paese senza neanche considerare la storia, il contesto geopolitico e la cultura che lo caratterizzano. Il fenomeno della cattiva informazione non danneggia solo una Nazione, bensì la sua gente, il progresso sociale, le amicizie tra i popoli.

 

Gli Italiani a Baku

Elio Bevilacqua, Paola Casagrande, Stefano Muscaritolo, Giulio Alvino, Alessandro Giamberti, Gianluca Fatone, Ido Giuseppe Biffi, Mauro Fregni, Giuseppe Massacusa, Cristian Lombardi, Alberto Caggiani, Claudio Zagato, Carlo Cervellieri, Roberto Casadei Rossi, Fabrizio Ranieri, Marco Catelani, Andrea Uliva, Enrico Venuturelli, Massimo Giorgietti, Massimo Bernardino, Maurizio Schirru, Mario Sias, Maurizio Spiga, Andrea Carboni, Maurizio Mullano, Andrea Ruffoni, Mario Raffo

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->