mercoledì, Luglio 28

Italia, la ‘nuova stagione’

0

La nuova stagione che si annuncia, convenzionalmente al via per quanto riguarda l’Italia dalla ‘Milano-Sanremo’ (in evidente declino la scuola toscana), è carica di grandi aspettative. La prima Classica-Monumento della stagione va in scena quest’anno, 2017, sabato 18 marzo, ed è la centottava volta (108, per sicurezza). Questa edizione è di duecentonovantuno (291, per sicurezza) chilometri. La ‘Classicissima di Primavera’ non è vinta da ben undici (11, per sicurezza) anni da un corridore italiano. Potrebbe essere questa la volta buona per provare a riscattare le delusioni delle ultime stagioni. Anche se si segnalano, come sempre, liti e rotture interne alle squadre, cambi di casacca, giovani campioni che si vogliono affermare e vecchie glorie che non mollano, l’ombra del doping, il problema degli stranieri ed alla fin fine la questione economico-finanziaria.

La nuova stagione che si annuncia, convenzionalmente al via per quanto riguarda l’Italia sull’asse ‘Milano-Genova’ (in evidente declino il campione toscano), anche in questo 2017 è carica di aspettative. Sarebbe forse eccessivo definirle ancora grandi, ma qualcuna pur resiste. Sullo sfondo anche l’eventuale voto per i ‘Referendum sociali’ fissato per domenica 28 maggio. E l’eventuale accorpamento con pur ridotte Elezioni amministrative. Comunque, per sicurezza, si cercherà di evitare questi Referendum non potendo, ancora, similmente evitare le elezioni. Potrebbe in ogni caso essere questa la volta buona per provare a riscattare le delusioni delle ultime stagioni. Di molte e molte stagioni che ormai si susseguono. Anche se si segnalano, come sempre, liti e rotture interne alle ‘squadre’, cambi di casacca, giovani che si vogliono affermare e ‘vecchi’ che non mollano, l’ombra di ‘oscure sostanze’, il problema degli stranieri ed alla fin fine la questione economico-finanziaria.

Grande metafora della vita e di quel comune stare assieme che chiamiamo ‘politica’, il ciclismo. O forse grande metafora del ciclismo, la vita.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->