sabato, Aprile 17

Italia in emergenza da quarant'anni

0
1 2


Terrorismo, stato d’emergenza, leggi speciali. Quante volte abbiamo sentito questi termini ricorrere come un mantra in Italia durante i cosiddetti ‘anni di piombo’. Ora questa narrazione si ripropone fatalmente in questi terribili giorni successivi agli attentati di Parigi. Il Presidente François Hollande ha dichiarato lo stato d’emergenza, regolato da una legge del 1955 promulgata in occasione della guerra d’Algeria e ha chiesto una modifica della Costituzione per ridimensionare i poteri della Consulta qualora si vadano a limitare determinate libertà personali. Qui in Italia, invece, non è stata paventata alcuna modifica alla legislazione esistente. E’ un buon segno oppure vuole dire che partiamo già da una situazione straordinaria disegnata per fronteggiare un quadro che possiamo definire speciale? Lo abbiamo chiesto ad Italo Di Sabato, responsabile nazionale dell’Osservatorio sulla repressione.

 

Qualche giorno fa in televisione il Procuratore nazionale antiterrorismo Franco Roberti ha dichiarato che in Italia non c’è alcun bisogno di introdurre nuove leggi perché basterebbe utilizzare quelle che già sono in vigore? Che cosa vuole dire questo?

Io credo che quando Matteo Renzi ha dichiarato che in Italia non si ricorrerà allo stato di emergenza ha detto un qualcosa che di fatto non è vero.

Perché?

Perché l’Italia è dentro un’emergenza infinita da più di quarant’anni. Quando si dice che non si vogliono nuove leggi è proprio perché ci sono già delle normative ereditate da tutto quell’armamentario di legislazioni speciali approvate durante l’epoca della lotta armata che sono ancora attualissime. E a queste bisogna aggiungere che prima degli attentati di Parigi, circa un mese e mezzo fa, Alfano aveva presentato il ‘ddl sicurezza’ in cui ci sono tutta una serie di misure ulteriormente restrittive e di limitazione delle libertà di movimento in questo Paese. Ddl che sicuramente avrà un’accelerazione in questi giorni con l’approvazione, tanto per fare un esempio, della carcerazione per chi usasse dei petardi. Cosa che sta già accadendo oggi con la psicosi introiettata dalla stragrande maggioranza dei cittadini, con la paura per gli attentati terroristici. Scenario propedeutico ad un ulteriore inasprimento verso quella che è la libertà di movimento e all’organizzazione di manifestazioni di dissenso. Ma anche verso ulteriori limitazioni delle libertà personali. A tutto ciò bisogna aggiungere l’elemento Roma.

Uno scenario ancora più complesso vero?

Certo, perché l’otto dicembre inizierà ufficialmente il Giubileo e in una città commissariata sul piano amministrativo credo che di fatto si vivrà uno stato di eccezione permanente per tutta la durata di questo evento. Quindi ulteriori misure di controllo sociale, e ulteriori misure di divieto. I fatti sono questi.

Insomma l’Italia non ha bisogno di approvare ulteriori leggi…

No perché viviamo da tempo dentro una costituzione materiale che di fatto ha scalzato la costituzione formale.

C’è però il rischio che si vada anche oltre? Per esempio in Francia Hollande pensa ad una modifica della Costituzione nazionale…

Hollande ha dato pieno potere ai Prefetti, ha consentito la possibilità di fare delle perquisizioni senza l’ordine del Magistrato, ma questo per esempio in Italia già c’è. E’ contemplato sia dalla legge Reale che dalla legge Cossiga. Leggi che non sono state mai abrogate e tuttora sono presenti nell’ordinamento penale italiano. E quindi se in Italia si ritiene di dover applicare misure verso chi può essere sospettato di attività terroristica o di appoggio ad iniziative terroristiche possono fare tranquillamente riferimento alla legge Cossiga del 1980 che prevede appunto perquisizioni senza mandato del Magistrato competente.

Così come si può attivare la legge Reale sulla questione degli arresti per 48 ore senza avere diritto a chiamare un proprio avvocato. Ci sono già delle norme che permettono questo. E’ chiaro che tutto ciò fa parte di un quadro inquietante inserito in un Paese dove le garanzie sono sempre più basse e il garantismo viene sempre meno. Oggi se facciamo un sondaggio la stragrande maggioranza dei cittadini italiani riterrebbe giustissime certe decisioni, necessarie purtroppo. Come si evince anche dalle misure adottate da Hollande, si rafforza in Europa l’idea di un neoautoritarismo che era già evidente prima degli attentati di Parigi.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->