martedì, Ottobre 26

Italia alla Presidenza OSCE 2018

0

Nel video diramato dal Ministero degli Affari Esteri il 27 luglio, alla Farnesina, erano presenti il Ministro degli esteri, Paolo Gentiloni e il Vice Ministro Mario Giri. Hanno stato presentato il nuovo Sistema Italiano di Cooperazione allo Svilluppo. Proprio Giri ha parlato anche di lotta al terrorismo e, notizia di poche ore fa, l‘Italia presiederà nel 2018 l’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa. Lo hanno deciso all’unanimità i 57 paesi membri. «E’ una decisione che rappresenta pienamente il riconoscimento dell’impegno e della volontà del nostro Paese di contribuire fattivamente alla pace e alla stabilità in Europa», commenta in una nota il Ministro degli Esteri Paolo Gentiloni

«In un momento storico in cui si moltiplicano i fattori di crisi ed instabilità, all’interno ed ai confini dell’Europa – sottolinea la Farnesina –, la Presidenza dell’OSCE comporterà per l’Italia un impegno di ampio respiro, che non si limiterà al 2018, ma si svilupperà nell’arco del triennio 2017-2019 durante il quale il nostro Paese farà parte della Troika OSCE. In tale contesto, dal 1° gennaio del prossimo anno l’Italia inizierà a lavorare in stretto coordinamento con la Germania (Presidenza 2016) e con l’Austria (Presidenza 2017) e ad assicurare la Presidenza del Gruppo Mediterraneo».
«La ricerca di una soluzione alla crisi ucraina e ai cosiddetti ‘conflitti congelati’ nell’area OSCE (Nagorno-Karabakh, Georgia e Transnistria), la crisi dei migranti e dei rifugiati e il rafforzamento del Partenariato con i Paesi della Sponda Sud del Mediterraneo – aggiunge Gentiloni – saranno al centro dell’agenda per la nostra Presidenza».

Foro privilegiato di cooperazione e di dialogo a favore della pace, della sicurezza e della stabilità nell’area che va “da Vancouver a Vladivostok”, l’OSCE si ispira al concetto di sicurezza onnicomprensiva contenuto nell’Atto finale di Helsinki del 1975, e che ne rende oggi il ruolo cruciale e che implica la necessità di una costante attenzione a tutte le “dimensioni” e gli obiettivi dell’OSCE in campo politico-militare, economico-ambientale e nella dimensione umana.
«Un concetto di sicurezza – conclude il ministro degli Esteri – piu’ che mai attuale visto che proprio al metodo che porto’ all’Atto di Helsinki si guarda con crescente interesse anche per gettare le prime basi di un nuovo ordine nel Mediterraneo».

(video tratto dal canale Youtube del Ministro degli Affari Esteri)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->