martedì, Ottobre 26

Istituzione Sinfonica Abruzzese fuori pericolo? field_506ffb1d3dbe2

0
1 2


La vicenda che ha interessato le sorti dell’Istituzione Sinfonica Abruzzese (ISA) è degna di una saga dai contorni noir, a causa delle sfumature lugubri che hanno accompagnato il suo destino in questi ultimi mesi.

Fiore all’occhiello della Regione Abruzzo, questo prestigioso ente culturale e musicale fondato nel 1970 da Nino Carloni e Vittorio Antonellini ha annaspato ormai disidratato nell’arsura di fondi assegnati dal Ministero alla Cultura che la Regione Abruzzo non riusciva o voleva erogare, a causa di rimpalli politici, fino all’ultimo rimpasto della giunta da parte del Presidente della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso.

Solo negli ultimi quattro anni l’ISA ha subito tagli per 2milioni e 249mila euro, oltre alla mancata erogazione del contributo da 800mila euro dovuto dalla Regione per l’anno in corso, promesso in campagna elettorale da Luciano D’Alfonso per la carica di governatore della Regione Abruzzo, cui si è sommato il blocco da parte della Regione dei finanziamenti dovuti dallo Stato che ammontano a 1milione e mezzo di euro, mancanza che di fatto ha minacciato il destino dell’unica orchestra in Abruzzo a essere ricompresa nel Fondo Unico per lo Spettacolo.

Nel frattempo i 50 dipendenti -amministrativi, orchestrali, tecnici- sono rimasti senza stipendio per più di sette mesi, mancando nelle casse vuote dell’ISA anche i soldi per pagare fornitori e i contributi Empals dei musicisti.

L’ISA dal 2 agosto 2015 è stato costretto a sospendere le attività, cancellando gli appuntamenti della stagione concertistica, fino al 12 ottobre, quando il consiglio regionale ha approvato il finanziamento di 800 mila euro in due anni alla prestigiosa istituzione culturale. Ci sono voluti due giorni di maratona, di sedute quasi continuativa in Commissione (la prima e la quinta Commissione Bilancio e la Commissione Cultura), e successivamente in Consiglio Regionale per far giungere in porto l’iter del Progetto di Legge per il salvataggio dell’Istituzione Sinfonica Abruzzese.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->