lunedì, Ottobre 25

Israele – Palestina: la patologia li accomuna, quella della ‘reputazione di duro’ Ciascuna delle due parti deve apparire più dura dell'altra. Ora è l'ostacolo al cessate il fuoco, ma è alla base dell'escalation e soprattutto dell'impossibilità di avviare un percorso politico alla coesistenza pacifica

0

Dopo 10 giorni di combattimenti, giorni durante i quali la diplomazia è rimasta silente, nel corso del fine settimana nelle cancellerie occidentali qualcosa ha iniziato muoversi. Nelle ultime ore, il ‘disarmatoe recalcitrante Presidente USA, Joe Biden, ha iniziato, pare, a chiedere a Israele di mettere fine agli attacchi. A ruota, ieri i ministri degli Esteri UE hanno concordato una dichiarazione informale che chiede il cessate il fuoco immediato, e la Francia, in coordinamento con Egitto e Giordania, ha presentato una risoluzione al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, chiedendo un cessate il fuoco, mentre la Cina, presidente di turno del Consiglio di Sicurezza dell’Onu, ha promesso, attraverso il suo ambasciatore all’Onu, Zhang Jun, il suo sostegno «a tutti gli sforzi per facilitare la fine della crisi». Così, nelle ultime ore, i media israeliani hanno cominciato a diffondere la notizia che il cessate il fuoco potrebbe entrare in vigore domani, giovedì 20 maggio, alle ore 6, come previsto nella proposta di tregua che l’Egitto sta trattando.

E’ un passo avanti, ma sarà un cessate il fuoco, esattamente quanto i palestinesi sono perfettamente consapevoli essere una panacea che di certo non avvierà percorsi per l’unica cosa che effettivamente serve, ovvero l’inizio di un percorso per una soluzione politica. E’ lanon soluzionegià vista: «Ogni pochi anni, la violenza su larga scala esplode per alcuni giorni o settimane e termina con un cessate il fuoco temporaneo che sostanzialmente riporta la situazione allo stesso deprimente status quo: la Striscia di Gaza assediata e devastata e l’adiacente popolazione israeliana in una costante paura del anche il prossimo attacco», come sintetizza Boaz Atzili, docente di relazioni internazionali, all’American University School of International Service.
Il percorso verso una soluzione politica è ben lontano. E anche solo per arrivare al cessate il fuoco, ci saranno ancora ore di stop and go. Nè Israele né Hamas sono per davvero convinti di volersi fermare, soprattutto nessuno dei due vuole essere il primo a farlo.

Un ostacolo, rende noto la ‘CNN‘, «è l’insistenza di Israele sul fatto che Hamas deve avviare il cessate il fuoco almeno tre ore prima di Israele, a quel punto Israele avrebbe seguito. Hamas ha categoricamente respinto questa proposta, ha detto il leader di Hamas. La fonte di Hamas ha detto che l’altro ostacolo è l’insistenza di Hamas sul fatto che qualsiasi cessate il fuoco debba includere la fine delleprovocazioni israeliane alla moschea Al Aqsa a Gerusalemme e una risoluzione della situazione a Sheikh Jarrah, un quartiere di Gerusalemme est dove diverse famiglie palestinesi devono affrontare lo sfratto».
Il
motivo di queste ‘richieste’ è lo stesso alla base dell’escalation di questi giorni, ovvero, come diceAtzili, «Israele e Hamas sono bloccati in una serie di violenze sempre più intense». E «nessuna delle due parti ha una visione né dell’effettiva risoluzione militare, né di una soluzione diplomatica all’impasse».

Alla base c’è un gioco perverso, frutto di una oramai patologia: «I leader israeliani sanno che l’offensiva a Gaza prolungherà lo sbarramento missilistico sulle sue città, inclusa anche Tel Aviv», i «leader di Hamas sanno che il prezzo che la gente di Gaza paga per i continui lanci di razzi è sproporzionatamente alto e in aumento», ma ciascuna delle due parti deve apparire più dura dell’altra. «E non c’è fine a questa gara». «L’obiettivo principale di Israele è essere visto come duro contro i suoi nemici, compreso Hamas. Questo non per ottenere una vita migliore per i cittadini israeliani o per promuovere gli interessi nazionali, ma come un obiettivo in sé e per sé». Nonostante l’asimmetria delle loro forze, «il modo di pensare è abbastanza simile nella leadership di Hamas. È evidente dai ripetuti cicli di violenza che avvia senza risultati strategici, ma che accresce il prestigio di Hamas nel resistere all’oppressione israeliana. E per entrambe le parti, la reputazione non è definita come una dimostrazione di determinazione, resilienza o perseveranza. Ciò potrebbe essere ottenuto con mezzi difensivi. Questo si riduce a un calcolo mortale: più soffre l’altra parte, migliore è la tua reputazione, non importa quanto soffra anche la tua parte».

«Quando la vittoria effettiva è impossibile e quando le due parti sono riluttanti a impegnarsi in negoziati significativi, l’escalation ha lo scopo di creareun’immagine della vittoria‘, afferma Boaz Atzili. E spiega bene la dinamica. «L’11 maggio, il leader di Hamas Ismail Haniyeh ha dichiarato che l’organizzazione “ha ottenuto la vittoria nella battaglia di Gerusalemme”, riferendosi al conflitto per lo sgombero dei palestinesi dalle loro case che ha dato inizio a questo round di conflagrazione. Ha detto che l’organizzazione ha “stabilito un nuovo equilibrio di potere” contro Israele. Eppure chiaramente, mentre Gaza si sta sgretolando sotto la ferocia dei bombardamenti israeliani e Gerusalemme rimane saldamente controllata da Israele, Hamas non ha ottenuto tali risultati. Il Ministro della Difesa israeliano Benny Gantz ha affermato che gli obiettivi della leadership israeliana erano “portare la pace a lungo termine, rafforzare le forze moderate nella regione e privare Hamas delle capacità strategiche”. Eppure le azioni di Israele, come i precedenti cicli di violenza, non fanno che rafforzare il potere politico e militare di Hamas, come dimostra la sua capacità di prendere di mira più del territorio di Israele che mai e per un periodo di tempo più lungo di prima. I cittadini israeliani, nelle città da Beer-Sheva nel sud a Tel Aviv, più a nord, continuano a fronteggiare una raffica di missili da Gaza. E con l’aumentare della carneficina a Gaza, aumentano anche i danni diplomatici a Israele».

«La loro immagine della vittoria è rivolta esclusivamente al pubblico nazionale. Sia Israele che Hamas usano spesso il terminedeterrenza‘ quando giustificano le loro azioni l’una contro l’altra. Ma la loro pratica non è in realtà un tentativo razionale di influenzare l’azione dell’avversario. Non è un tentativo razionale di rendere il proprio pubblico più sicuro. Pertanto, non serve a rafforzare la deterrenza. Convincere il tuo pubblico che sei stato vittorioso non influisce sul grado di scoraggiamento del tuo nemico. Per Israele, tale distorsione della comprensione delle dinamiche di deterrenza non è nuova. La politica di ritorsione di Israele è iniziata negli anni ’50 come un tentativo abbastanza razionale di dissuadere i nemici dal minacciare gli interessi israeliani. Ma poi è diventata unacultura strategica‘, o una reazione abituale a qualsiasi attacco sul suolo israeliano, indipendentemente dal fatto che quella ritorsione produca risultati positivi o meno. Il bombardamento israeliano delle infrastrutture libanesi durante la guerra del 2006 è un buon esempio. Come in quella guerra, Israele tenta oggi a Gaza di ottenere un’immagine di vittoria piuttosto che obiettivi concreti. E Hamas vuole raggiungere lo stesso obiettivo. Finché le due parti mirano ciascuna a convincere il proprio pubblico della loro superiorità, ingegnosità militare e risolutezza, e finché i leader di entrambe le parti non si preoccupano delle conseguenze delle loro azioni, dei loro cittadini e del resto del mondo -guardando con orrore- non ci si potrà aspettare progressi».

Evidente così che anche solo un cessate il fuoco è difficile per tutte due le parti.
Non è chiaro cosa per davvero -dichiarazioni a parte- possa sperare Hamas oltre il cessate il fuoco in sé e «a quel punto dovrà affrontare un’enorme devastazione fisica a Gaza, specialmente per le proprie strutture e capacità, capacità militare e struttura di comando. L’Esercito israeliano afferma di aver ucciso almeno 100 combattenti di Hamas, compresi i comandanti, finora, così come il suo team di ricerca e sviluppo militare», afferma Crisis Group. Queste perdite, insieme al fatto che Hamas abbia utilizzato la maggior parte dei razzi nel suo arsenale, costringerà il gruppo ad accettare un cessate il fuoco, ma da una posizione di debolezza che potrebbe avvelenare ancora di più il clima del dopo, quando dovrà decidere a quel punto che fare.
Lato Israele, la situazione non è migliore. C’è un’altra variabile in gioco in questa escalation che non era presente nei round precedenti: «la violenza tra palestinesi e israeliani nelle strade di Israele stesso». Sono scoppiati intensi scontri tra palestinesi israeliani ed ebrei in molte città e paesi israeliani. Queste fiammate potrebbero avere conseguenze gravi, il Presidente israeliano ha avvertito del rischio di una guerra civile.
Non si può prevedere se un cessate il fuoco con Gaza porrà fine a tutta questa violenza, sottolinea Crisis Group, anche perchè a queste violenze di assomma la presa di coscienza palestinese della comune identità tra palestinesi d’Israele, e palestinesi di Gaza e Cisgiordania, il che ha portato una ‘mobilitazione palestinese’. «Ma continuare il bombardamento della fascia costiera probabilmente continuerà ad alimentare le convulsioni interne del Paese. Israele deve fare una scelta: cercare un cessate il fuoco più rapido di quanto altrimenti potrebbe desiderare o assistere a un più rapido disfacimento del suo tessuto sociale». Da qui la possibilità che Israele sia disponibile ad un cessate il fuoco, da una posizione, al momento, di forza.
Una forza che offre però una via d’uscita a Hamas. Le violenze all’interno del Paese, infatti, danno ad Hamas «una nuova leva, ma pongono anche il movimento di fronte a un nuovo dilemma. Continua a premere per concessioni israeliane sostanziali a Gerusalemme, che sono difficili da immaginare, o considerare il tipo di accordo che nelle sue guerre passate era irrealizzabile ma che oggi potrebbe essere più plausibile e all’interno della capacità del Cairo o anche della volontà di Israele di mantenere, come un più sostanziale allentamento del blocco? Oggi, Hamas afferma che un simile passo indietro è fuori discussione -che ha gli occhi puntati su Gerusalemme e ha razzi sufficienti per una guerra di due mesi. Ma col passare del tempo, il suo arsenale si esaurisce, la distruzione di Gaza aumenta e, cosa più importante, il bilancio delle vittime palestinesi sale, potrebbe desiderare di aver cercato l’accordo che non era stato in grado di raggiungere in quattro guerre precedenti».

Per quanto riguarda la scelta di Israele, prosegue Crisis Group, «se desidera impedire uno scivolamento in un conflitto civile più profondo,Israele dovrebbe porre fine alle limitazioni categoriche all’accesso dei palestinesi alla Holy Esplanade e rimuovere i suoi soldati dal complesso in tutte le circostanze tranne che nelle peggiori circostanze, mentre le autorità religiose musulmane (il Waqf) dovrebbero controllare il lancio di pietre e altre attività di protesta violenta lì. Israele dovrebbe anche porre immediatamente fine agli sfratti delle famiglie a Gerusalemme Est, o almeno comunicare privatamente all’Egitto e ad altre parti che rinvierà a tempo indeterminato qualsiasi ulteriore azione. Più in generale, Israele dovrebbe denunciare la violenza e l’incitamento all’odio incendiario, indipendentemente dalla fonte, ed offrire giustizia imparziale a tutti. I funzionari israeliani hanno la responsabilità particolare di combattere l’odio etnico emanato dall’estrema destra ebraica e di assicurarsi che i cittadini palestinesi siano protetti dalla violenza sia della polizia che dei civili nello stesso modo in cui lo sono i cittadini ebrei. I leader palestinesi in Israele hanno un obbligo parallelo all’interno delle proprie comunità. Molti in tutto il mondo, e specialmente negli Stati Uniti e in Europa, sono rimasti sorpresi dalle immagini della violenza della folla ebraica, ma i sentimenti che incarnano non sono emersi dall’oggi al domani. Sono stati a lungo coltivati e sostenuti ai livelli più alti dello Stato. Reprimere l’incitamento etnico è una questione di autoconservazione per la maggioranza ebraica, perché l’alternativa, ovvero una costante escalation di conflitti civili, è già all’orizzonte», conclude Crisis Group.

Se cessate il fuoco sarà, allo scattare del medesimo Israele e Hamas avranno subito il problema di come gestirlo e in funzione di cosa. E si ritorna al percorso politico, dai più considerato improbo se non improbabile in questa fase. 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->