mercoledì, Giugno 16

Israele – Palestina: il cessate il fuoco fallimentare dei falliti Un cessate il fuoco arriverà, e però facilmente sarà il preludio a una nuova guerra di logoramento a bassa intensità, sarà un cessate il fuoco fallimentare realizzato da soggetti 'falliti': Israele, l'Autorità Palestinese, Gaza e Hamas, i cittadini palestinesi di Israele, Gerusalemme e la religione

0

Si sta procrastinando di ora in ora il cessate il fuoco tra Israele e Hamas. Ieri Hamas aveva ipotizzato potesse partire oggi. Oggi, ‘Walla‘, richiamando fonti israeliane, sostiene che «un possibile cessate il fuoco con Gaza potrebbe essere raggiunto nelle prossime 24 ore». Ipotesi confermata anche da Hamas attraverso ‘CNN‘, sottolineando il «sostegno dei nostri fratelli egiziani e del Qatar». E’ il gioco della ridda di voci, sussurri, e trattative. Poi il cessate il fuoco arriverà. Per quanto a nessuno dei due contendenti al momento sembri interessare per davvero. Non interessa al Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu, e lo ha detto chiaramente, non ha detto, certo, che per lui ogni giorno di guerra è un giorno di speranza per la sua salvezza politica. Non interessa ad Hamas, il cui arsenale evidentemente ancora non ‘piange’. Non interessa ai due belligeranti presi insieme per lo stesso motivo: la reputazione di duro, ciascuno dei due deve apparire più duro della controparte. Un cessate il fuoco al momento interessa solo a Joe Biden, la cui assenza dalla scena palestinese si è notata pesantemente e ora cerca di correre ai ripari, e a qualche altra capitale occidentale, preoccupata dell’opinione pubblica e sopratutto di provare a salvare lo status quo. Interesserebbe, alla popolazione, ma come in ogni guerra, quella è l’ultimo degli elementi presi in considerazione dai belligeranti.

Alla fine un cessate il fuoco arriverà, ma il problema è che facilmente sarà il preludio a una nuova guerra di logoramento a bassa intensità, come afferma Anthony H. Cordesman, analista strategico del Center for Strategic and International Studies (CSIS). Sarà un cessate il fuoco fallimentare realizzato da soggettifalliti‘, avverte Cordesman. E la ragione di fondo è molto semplice: non ci sono le condizioni storico-politiche per l’unica soluzione possibile: due Stati. «L’idea che una soluzione a due Stati -la creazione di un Paese effettivo e vitale chiamato Palestina, insieme a un Israele fisicamente sicuro- sia l’unico modo per risolvere finalmente questo conflitto molto lungo e sanguinoso può sembrare ovvia. Ma vale la pena ribadirlo perché è una verità che tutti i leader chiave -in Israele, negli Stati Uniti, nell’Autorità Palestinese (AP) e nel mondo arabo in generale- hanno recentemente dimenticato o semplicemente ignorato», afferma Jonathan Tepperman dalle pagine di ‘Foreign Policy‘. Come hanno dimostrato Paesi l’Irlanda piuttosto che l’India, «il desiderio di autodeterminazione nazionale non può essere ignorato o soppresso per sempre, non importa quanto le potenze dominanti possano tentare di farlo». Ora siamo nella fase in cui questa aspirazione ha probabilmente raggiunto il culmine e però a breve «nessuna delle due parti ha la capacità o è in vena di concludere un simile accordo in questo momento». Ecco perchè il dopo cessate il fuoco sarà probabilmente quella che viene definita una ‘guerra a bassa intensità’, più o meno quella che hanno vissuto fino ad ora i palestinesi.
La speranza di una ‘soluzione a due Stati’, affermaCordesman, ha prodotto, nel tempo, «cinque aree chiave di tensione e conflitto israelo-palestinese che sono diventate l’equivalente di cinqueStatifalliti». «Ognuna è una delle principali fonti di divisione e tensione che sembra probabile che bloccherà indefinitamente nel futuro qualsiasi accordo funzionale duraturo tra ebrei israeliani e palestinesi».

Il primoStato fallitoè Israele, è fallimento per non essere riuscito dare ai palestinesi «l’equità e gli aiuti che potrebbero portare stabilità e compromessi su qualcosa di equivalente a una soluzione a due Stati. La politica israeliana è passata da una democrazia efficace a qualcosa che comincia ad avvicinarsi a uncaos-crazia‘, concentrandosi sempre di più sull’annessione opportunistica e sulle forze di sicurezza scelte e sull’uso della forza nel processo di pace».
«
Il potere economico di Israele è grande quanto il suo potere militare, e in qualche misura ha abusato di questa forza nel trattare con i palestinesi. La versione online del ‘CIA World Factbookstimava nel maggio 2021 che Israele avesse un PIL reale di 363 miliardi di dollari nel 2019; un PIL di 395 miliardi di dollari al tasso di cambio ufficiale; e un PIL pro capite di 40.195 dollari. Al contrario, ha stimato che la Cisgiordania palestinese -molto più ricca di Gaza- avesse un PIL reale inferiore a 30 miliardi di dollari nel 2019; un PIL di 395 miliardi di dollari al tasso di cambio ufficiale; e un PIL pro capite di 6.318 di dollari -solo il 16% di quello di Israele.
I dati demografici sono un’altra ‘arma’.
La popolazione ebraica di Israele domina chiaramente Israele vero e proprio. Per mettere in prospettiva i dati demografici coinvolti, l’attuale sezione ‘CIA World Factbook‘ su Israele stima che la popolazione totale di Israele, le alture del Golan o sottodistretto del Golan e Gerusalemme Est (che è stata annessa da Israele dopo il 1967) sarà 8.787.045 a metà 2021. Cita una stima del 2018 secondo cui questa popolazione è il 74,4% ebrea, il 20,9% araba e il 4,7% altra. Si stima che le loro credenze religiose siano il 74,3% ebraiche, il 17,8% musulmane, l’1,9% cristiano, l’1,9%, l’1,6% drusi, l’1,6% e il 4,4% altro.
Questa popolazione ebraica beneficia dei successi economici di Israele e del suo status di Stato più sviluppato nella regione MENA. Israele è un grande successo economico ed è uno degli Stati più urbanizzati del mondo: 92,7%. Tuttavia, il progresso di Israele ha costantemente ampliato gli standard di vita degli ebrei israeliani senza fornire miglioramenti corrispondenti negli standard di vita dei cittadini palestinesi di Israele, tanto meno quelli della Cisgiordania e di Gaza.

La discriminazione sul lavoro e la disoccupazione palestinese in Israele, Cisgiordania e Gaza sono un problema pratico molto più critico per la maggior parte dei palestinesi rispetto alla conquista dello Stato, specialmente per una popolazione palestinese molto giovane che ha disperatamente bisogno di opportunità di lavoro. Mentre la violenza palestinese è una scusa parziale, Israele ha fatto relativamente poco per migliorare gli standard di vita dei palestinesi nelle aree dell’Autorità Palestinese in Cisgiordania, e ancor meno per fermare il costante declino dei redditi e delle condizioni di vita a Gaza. Ha anche creato grossi problemi economici, di viaggio, di flusso di aiuti, di entrate e di importazione, sebbene anche la corruzione palestinese e il cattivo governo siano stati fattori importanti.

Allo stesso tempo, la politica israeliana e le profonde divisioni politiche hanno portato a un costante cambiamento negli atteggiamenti ebraici israeliani, portandoli lontano dal sostegno alla soluzione dei due Stati Hanno favorito un costante aumento di quello che potrebbe essere chiamato nazionalismo ebraico, nel sequestro della proprietà occupata dai palestinesi , negli sforzi per trasformare Israele in uno Stato ebraico a spese dei palestinesi, e in una pressione politica più dura per espandere i diritti degli ebrei in aree come l’area del Monte del Tempio e per condurre manifestazioni pubbliche apertamente ostili.

Israele ha chiaramente adottato politiche che spostano i fatti sul campo a favore della sua popolazione ebraica sia in Israele vera e propria -in particolare Gerusalemme Est e le aree palestinesi vicino alla città vecchia – sia in Cisgiordania. Le stime differiscono, ma uno studio della CIA nel 2017 ha rilevato che c’erano 380 siti civili israeliani nelle aree palestinesi in Cisgiordania nel 2017, inclusi circa 213 insediamenti e 132 piccole comunità di avamposti in Cisgiordania e 35 siti a Gerusalemme est.

La CIA stima inoltre che circa 418.600 coloni israeliani vivessero in Cisgiordania entro il 2018;ve che 215.900 coloni israeliani vivevano a Gerusalemme Est entro il 2017. Questi numeri sono costantemente aumentati da allora, e la CIA stima che la popolazione totale della Cisgiordania (ebraica e araba) fosse solo di 2,95 milioni nel 2021».

Il secondo Stato fallitoè l’Autorità Palestinese in Cisgiordania, «che si è dimostrata altrettanto riluttante a scendere a compromessi, ha cercato di usare la violenza quando aveva poche possibilità di successo e non è riuscita a fornire la leadership e il governo di cui il suo popolo ha bisogno. Sebbene l’Autorità Palestinese e Fatah abbiano molti funzionari e voci competenti e onesti, troppa di questa leadership è debole, invecchiata, corrotta e incompetente. Non avanza più con alcuna autorità e non può raggiungere una popolazione molto giovane e spesso disoccupata sotto i trent’anni».
«L’Autorità Palestinese svolge ancora molte delle funzioni di uno Stato a pieno titolo in circa il 40% della Cisgiordania, sebbene abbia perso il controllo di Gaza a favore di Hamas nel 2006-2007. L’Autorità Palestinese sostiene formalmente una soluzione a due Stati, sebbene non abbia mai raggiunto un compromesso significativo con Israele sul territorio e condividendo Gerusalemme come capitale, ed è diventata costantemente più corrotta e incompetente.
Le forze di sicurezza dell’Autorità Palestinese sono, tuttavia, un’eccezione parziale e spesso hanno lavorato bene con le forze di sicurezza israeliane prima dell’attuale ondata di violenza, proteggendo nel frattempo l’accesso della Cisgiordania agli aiuti, al commercio e ai posti di lavoro in Israele. Secondo l’edizione 2021 del Bilancio Militare IISS, erano divisi in una forza di sicurezza presidenziale da 3.000 persone; 1.200 forze speciali; 10.000 forze di sicurezza nazionale(9 battaglioni); 4.000 forze di sicurezza preventive; 1.000 forze di protezione civile più una forza politica di Fatah delle brigate di Al-Aqsa».

«L’Autorità Palestinese governa la maggioranza dei palestinesi che non sono cittadini israeliani in Israele vero e proprio. Anche in questo caso, le stime differiscono, ma la CIA e l’Israel Central Statistics Bureau stimano che la popolazione araba palestinese collettiva totale di Israele, Cisgiordania e Striscia di Gaza fosse di circa 5,79 milioni di persone nel 2017. Circa 2,16 milioni di arabi vivevano in Cisgiordania, 1,84 milioni di arabi vivevano in Israele e 1,79 milioni di arabi vivevano nella Striscia di Gaza.

La popolazione palestinese è molto giovane per gli standard internazionali e cresce in tempi relativamente brevi. L’US Census Bureau stima che la popolazione in Cisgiordania sia passata da circa 690.000 nel 1970 a 1.250.000 nel 2000 a 252.000 nel 2010. Si stima che la popolazione a Gaza sia passata da circa 340.000 nel 1970 a 1.130.000 nel 2000 a 1.600.000 nel 2010. Questi aumenti hanno trasformato una popolazione in gran parte agricola in una popolazione urbana che ha molto meno successo economico e opportunità di lavoro rispetto agli ebrei israeliani e che agisce come una pressione costante aumentando la tensione tra ebrei e arabi -e una che può solo peggiorare come risultato del i combattimenti in corso e l’impatto del Covid-19.

La popolazione palestinese in Cisgiordania ha sofferto di un governo povero ed egoista; Sostegno israeliano agli insediamenti e all’annessione; Procedure di sicurezza israeliane che influenzano il movimento e l’occupazione palestinesi; e tutti i cicli di violenza dalla conquista israeliana di Gerusalemme e della Cisgiordania nel 1967. Tuttavia, la popolazione palestinese in Cisgiordania ha perso notevolmente meno della popolazione palestinese a Gaza.

Uno studio della Banca mondiale nell’aprile 2021 ha rilevato che il tasso di disoccupazione in Cisgiordania e Gaza era al 23,4% alla fine del quarto trimestre del 2020. A Gaza, era al 43%, mentre la Cisgiordania ha registrato un tasso di solo 15 %. Circa il 22% dei palestinesi in Cisgiordania e Gaza viveva al di sotto della soglia di povertà del reddito medio-alto nel 2016/17. Al contrario, il 46% della popolazione di Gaza era al di sotto della soglia di povertà nel 2016/17 e solo il 9% in Cisgiordania».
«Questi fattori materiali interagiscono con tutte le questioni storiche, religiose e politiche che dividevano i palestinesi da Israele. Una parte considerevole di questi problemi è colpa del fallimento della leadership palestinese, ma non c’è dubbio che Israele abbia compiuto solo sforzi limitati per migliorare la situazione, ed è improbabile che i palestinesi che vivono in queste condizioni siano obiettivi nel giudicare il grado di responsabilità di Israele».
«È improbabile che un cessate il fuoco o una soluzione al conflitto in corso porti una stabilità duratura senza un governo migliore e una leadership più dinamica e competente e senza gli sforzi del governo israeliano per limitare le provocazioni da parte dei gruppi israeliani anti-palestinesi».

Il terzo ‘Stato’ fallito è Gaza e Hamas Gaza è il centro degli attuali combattimenti. Ora fa parte solo nominalmente dell’Autorità Palestinese, in competizione diretta con Fatah».

«Il Bilancio militare IISS per il 2021 stima che la forza di Hamas fosse composta da circa 15.000-20.000 persone nelle sue Brigate Izz al-Din al-Qassam. Aveva un 6 ° brigata sedi regionali; 1 unità commando Nukhba; 27 battaglioni paramilitari; 100 compagnie paramilitari; alcune unità ingegneristiche e logistiche; e 600 polizia marittima. Non era equipaggiato con armi pesanti, ma acquisì o assemblò circa 10.000 razzi; aveva un vasto assortimento di mortai; e le armi anticarro a guida leggera russa 9K11 Malyutka (AT-3 Sagger ) e Dehlavieh ( Kornet )».

«Hamas è in una certa misura una ferita palestinese autoinflitta. Da tempo si è concentrato sulla lotta politica, l’ideologia e la preparazione al conflitto con Israele a scapito dello sviluppo. I suoi spostamenti verso un accordo politico sia con Fatah che con Israele sembrano essere stati più politici che reali. Ciò ha portato a una lunga lista di problemi nel finanziamento del governo e nell’ottenere aiuti, e Gaza è stata soggetta a molte restrizioni israeliane, statunitensi ed egiziane a causa della sua violenza e del rafforzamento militare». Gaza ha sofferto molto di più della Cisgiordania o dei cittadini palestinesi di Israele. In una certa misura è un enorme campo profughi ammassato in un’area grande circa il doppio del Distretto di Columbia. Alcuni rapporti indicano che la sua popolazione è così giovane che quasi la metà sono bambini, che il 95% non ha accesso all’acqua pulita e che le forniture di elettricità sono limitate e irregolari. Ha un tasso di disoccupazione eccezionalmente alto -43% Gaza- e quasi la metà della popolazione dipende almeno da qualche forma di aiuto internazionale.

«Il problema pratico per il futuro è che non ci sono prove chiare che un nuovo cessate il fuoco cambierebbe il comportamento di Hamas in modo duraturo, indipendentemente da qualsiasi dichiarazione contraria, o condurrebbe a qualche tipo di cambiamento economico globale e sviluppo in grado di soddisfare le esigenze della sua gente».

Il quarto Stato fallito sono i cittadini palestinesi di Israele. «Ancora una volta, le stime differiscono, ma l’ Ufficio centrale di statistica israeliano ha stimato che la popolazione palestinese di Israele era 1.890.000 nel 2019, pari al 20,95% della popolazione del Paese. Il numero esatto di palestinesi che si qualificano come cittadini a pieno titolo di Israele come cittadini non è chiaro, ma rappresentano un blocco importante in qualsiasi potenziale accordo di pace o nelle tensioni politiche palestinesi con Israele.

Questi cittadini palestinesi non hanno fatto alcun tentativo di creare il proprio approccio al governo nazionale o una struttura politica importante, e ci sono poche prospettive che potrebbero guadagnare in tal modo o che un tale sforzo sarebbe tollerato da Israele. Tuttavia, hanno generalmente mantenuto un’identità palestinese – piuttosto che etichettarsi come israeliani – e hanno sviluppato più coesione politica e coordinamento nel tempo.

A differenza di Gaza e della Cisgiordania, non hanno creato alcuna seria resistenza violenta a Israele, sebbene ci siano stati molti incidenti individuali nel corso degli anni. C’è stato, tuttavia, un grado significativo di separazione, con i palestinesi che vivono nelle proprie comunità e sezioni di aree urbane, in parte per motivi di affinità e in parte per motivi economici e di sicurezza. È più conveniente e le reti sociali funzionano molto meglio nelle aree palestinesi, anche se a volte queste possono essere ulteriormente separate in aree cristiane e musulmane, nonché per setta. Alcuni altri elementi -i beduini della Galilea, i beduini del Negev e i drusi- tendono a identificarsi più come israeliani rispetto ad altri cittadini arabi di Israele.

Allo stesso tempo, i cittadini palestinesi di Israele presentano un blocco separato, e questo solleva questioni separate di qualsiasi tipo di pace duratura. In genere hanno avuto molti dei vantaggi della piena cittadinanza israeliana, ma sono presi di mira dalla sicurezza israeliana e non hanno avuto molti vantaggi chiave che causino tensioni tra loro e Israele.

Il quintoStatofallito sono Gerusalemme e la religione. «Come i cittadini palestinesi di Israele, le divisioni religiose che dividono ebrei israeliani e palestinesi sono molto menostatalirispetto alle questioni che riguardano Israele, Cisgiordania e Gaza. Allo stesso tempo, la contesa religiosa su qualsiasi diritto palestinese di una capitale a Gerusalemme, sulla divisione delle aree vicine della città vecchia e su altre aree religiose sensibili al controllo ebraico o palestinese è stata una barriera chiave a qualsiasi accordo di pace ed è stata una delle cause principali dell’ultima esplosione di violenza.

Nessuno che abbia studiato la storia recente delle divisioni religiose sul controllo di Gerusalemme e dei luoghi santi della zona o che abbia assistito al tipo di manifestazioni e violenze che possono verificarsi improvvisamente a Gerusalemme può ignorare la tragica storia della rabbia religiosa, della violenza, e la competizione per controllare i santuari di Israele. In un certo senso anche la minuscola area della Moschea di Al Aqsa (Haram esh-Sharif) o del Monte del Tempio è stata una causa di violenza tanto grave quanto le divisioni sul resto della Cisgiordania o su Gaza».

In questi cinque fallimenti si evidenziano bene le ragioni per cui quel che al momento il cessate il fuoco prospetta altro non è che il proseguimento del conflitto che abbiamo visto negli scorsi decenni, con la prospettiva che possa essere peggiore di quello del passato. Per quanto triste possa essere dirlo, conclude Anthony H. Cordesman, «i cinquestatifalliti possono bloccare il progresso reale, non importa quanta retorica e dichiarazioni di buone intenzioni ciascuna parte e la comunità internazionale inseriscano nel processo». Dunque,«la soluzionenessuna soluzionesembra essere l’esito più probabile nel mondo realedell’attuale tragedia violenta».

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->