martedì, Settembre 28

Israele, le prime immagini della torre solare più alta al mondo L’impianto, secondo il progetto iniziale, entrerà in funzione nel 2018 e darà elettricità a 130mila abitazioni

0

È ormai a buon punto in Israele la costruzione della centrale solare a concentrazione con la torre solare più alta al mondo. L’impianto, secondo il progetto iniziale, entrerà in funzione nel 2018 e darà elettricità a 130mila abitazioni.

La centrale solare è situata nel deserto del Negev, ad Ashalim e sarà alimentata da 50.600 pannelli solari, disposti su una superficie di 3 chilometri quadrati intorno a una torre alta 250 metri, la più alta mai costruita nel mondo fino a oggi.

Si tratta in realtà di una tecnologia più costosa rispetto al fotovoltaico ma che garantisce un flusso continuo di elettricità, anche quando non c’è il sole. Questa in Israele non è l’unica nel suo genere: infatti sono già in funzione impianti che usano la tecnologia del solare a concentrazione, ma nessuno ha una torre così elevata e questo è dovuto al fatto che l’area su cui sono installati gli eliostati è relativamente ridotta. E proprio per questo motivo è stato necessario alzare l’altezza della torre.

Oltre al solare termico a concentrazione, è prevista in questa centrale un’area che fungerà da stoccaggio dell’energia solare prodotta per renderla disponibile nel momento in cui il sole non ci sarà. Una terza zona sarà invece completata con pannelli solari fotovoltaici tradizionali.

L’Agenzia elettrica di Israele ritiene che, quando la centrale entrerà in funzione, produrrà 310 megawatt pari all’1,6 per cento della domanda energetica del Paese, abbastanza per dare energia al 5 per cento dei cittadini.

(video tratto dal canale Youtube di RT)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->