domenica, Maggio 9

Israele-Gaze, sale ancora la tensione Hillary Clinton correrà di nuovo per la Casa Bianca nel 2020. Conferenza di Palermo, Haftar si fermerà a Mondello

0

In Germania, il ministro dell’Interno Horst Seehofer ha annunciato che lascerà la presidenza della Csu, mantenendo l’incarico di governo. Seehofer ha poi riferito che la data in cui arriverà il passaggio del testimone nel partito sarà comunicata nel corso della settimana.

Passiamo alla Romania, perché il presidente della repubblica Klaus Iohannis ha affermato che il Paese non è pronto ad assumere la presidenza di turno dell’Unione europea, che inizia il 1 gennaio. E ha chiesto apertamente le dimissioni del governo della premier socialdemocratica Viorica Dancila. E ha definito l’esecutivo «un incidente della democrazia romena». Nei giorni scorsi si era dimesso a sorpresa il ministro Victor Negrescu, responsabile affari europei e incaricato di preparare il semestre di presidenza romeno della Ue. Il motivo, per i media, è l’insoddisfazione degli altri membri del governo per il suo lavoro.

La Corea del Nord sta procedendo con il suo programma di missili balistici in 16 basi nascoste che sono state identificate nelle nuove immagini di un satellite commerciale. L’esistenza di basi di missili balistici, che Pyongyang non ha mai riconosciuto, contraddice le dichiarazioni di Donald Trump che la sua diplomazia ha portato all’eliminazione della minaccia nucleare.

In Yemen, almeno 149 persone, inclusi civili, sono state uccise nella città portuale di Hodeidah nell’arco di 24 ore di scontri tra forze lealiste yemenite e insorti Houthi. Una fonte militare a Hodeidah ha confermato che tra le vittime ci sono anche sette civili.

Chiudiamo con l’Afghanistan, perché sono almeno 6 i morti, e 20 i feriti, dell’esplosione provocata da un attentatore kamikaze a Kabul. Il portavoce del ministero dell’Interno ha riferito che l’attentatore stava cercando di raggiungere un gruppo di dimostranti che protestavano contro gli attacchi dei talebani ai danni della minoranza etnica Hazara quando è stato intercettato dalla polizia e si è fatto esplodere vicino a un posto di blocco.

Intanto nel distretto di Farah, almeno 30 i soldati afghani uccisi in un attacco dei talebani a Khost. Le vittime civili sono 6, tra le quali 2 bambini. Nei distretti di Lamistan e Jaghori almeno 10 i morti tra i militari e 15 tra i civili.

Visualizzando 2 di 2
Visualizzando 2 di 2

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->