lunedì, Settembre 20

Israele, Faception: la criminalità è nel DNA e si riflette sul viso

0

Una startup israeliana, Faception, sta lavorando sulla teoria che il nostro DNA determini la nostra personalità e che questa si possa riflette sui lineamenti del volto delle persone. Apparentemente si tratta di uno strumento di screening facciale, ideale in aeroporti o durante raduni di massa come ad esempio i prossimi giochi olimpici.

La nuova tecnologia di profilazione del viso dovrebbe così essere in grado di distinguere un terrorista da un pedofilo grazie ad un algoritmo basato sui tratti facciali delle persone. Infatti, analizza i volti mostrati in foto e in video e li classifica in base a 15 parametri predittivi di tratti di personalità e tipologie. Per i progettatori il nostro viso è una sorta di segnale, e Faception sarebbe presumibilmente in grado di rilevare con grande precisione se si è, ad esempio, un genio, un estroverso o un criminale. Questo potrebbe potenzialmente essere un enorme vantaggio per la sicurezza interna dei Paesi: infatti questa tecnologia riesce a tracciare distinzioni somatiche e a formulare la sua analisi in pochi secondi.

Tuttavia, fa sorgere molti dubbi da parte dei critici, che sostengono superi le linee etiche: e se questa profilazione del viso fosse non solo uno strumento utile, ma anche un pendio scivoloso per fare ipotesi su persone tali che potrebbero avere conseguenze disastrose?

 

 

 

 

 

(video tratto dal canale YouTube di CCTV News)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->