martedì, Ottobre 26

Israele, confine con Gaza ‘caldo’. E Hamas chiama nuove giornate di rabbia Migranti, Gentiloni: 'Per noi i muri e le chiusure sono sbagliate, e le quote obbligatorie sono il minimo sindacale per l'Unione europea'

0

In Germania, e precisamente a Berlino, grande retata delle forze speciali di polizia per fermare presunti estremisti islamici, di ritorno dalle zone di guerra di Siria e Turchia. Sette le abitazioni perquisite e diversi i fermati. Gli accusati, secondo la ‘Bild‘, sarebbero tutti appartenenti al circolo dell’attentatore del mercatino di Natale, Anis Amri.

Andiamo in Birmania, perché uno studio di Medici senza Frontiere (Msf) denuncia: almeno 6.700 Rohingya, inclusi 730 bambini sotto ai 5 anni, sono stati uccisi tra agosto e settembre. Il bilancio ufficiale delle autorità birmane riferito allo stesso periodo è di 400 vittime, la maggior parte indicate come terroristi islamici. La maggior parte delle vittime, stima Msf, sono state uccise da colpi di arma da fuoco, molte altre bruciate vive nelle proprie case date alle fiamme o picchiate a morte. ma si teme che i numeri siano sottostimati.

In India invece otto militanti maoisti sono stati uccisi in uno scontro a fuoco con le forze di sicurezza nello Stato indiano centrale di Telangana. Nove gli elementi che sono riusciti a fuggire.

E’ salito a 17 morti e oltre 20 feriti il bilancio di un attentato suicida rivendicato da Al Shabaab a Mogadiscio, in Somalia. L’attacco contro una accademia: un attentatore suicida si è infiltrato tra gli agenti, facendosi esplodere durante l’addestramento del mattino.

In Iraq invece 38 persone condannate per crimini di natura terroristica sono state giustiziate. Le esecuzioni fanno seguito ad altre 42 avvenute il 25 settembre, tutte nel carcere di Nassiriya, nel sud del Paese. Inoltre oggi l’Alta Corte di Londra ha riconosciuto oggi la responsabilità di militari britannici per crimini di guerra compiuti in Iraq anni fa. Il verdetto si riferisce a quattro denunce relative a casi di maltrattamento di prigionieri iracheni, ma potrebbe estendersi ad altre centinaia di vicende giudiziarie ancora aperte nei confronti di soldati britannici dislocati in Iraq all’epoca dell’occupazione anglo-americana del Paese.

Passiamo alla Grecia, oggi alle prese con lo sciopero generale di 24 ore proclamato dalle sigle sindacali per protestare contro un piano del governo che introduce un giro di vite sul diritto di sciopero. L’agitazione ha portato all’interruzione dei collegamenti via mare con le isole, alla chiusura delle scuole pubbliche mentre negli ospedali vengono accettati solo i casi urgenti. Problemi anche per voli e trasporto pubblico. Cortei sono andati in scena ad Atene e in altre 50 città.

Chiudiamo con gli Usa, perché un parlamentare repubblicano del Kentucky, Dan Johnson, si è suicidato, dopo le accuse di aver violentato una donna nel seminterrato di casa sua nel 2013. All’epoca la polizia aveva indagato, senza poi presentare accuse formali. Martedì Johnson ha definito le accuse ‘totalmente false’ e parte di una strategia per screditare il Gop, citando il caso di Roy Moore, che ha perso recentemente le elezioni in Alabama.

Visualizzando 2 di 2
Visualizzando 2 di 2

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->