venerdì, Maggio 7

Iskander-M, test ok dei russi Durante le esercitazioni al poligono di tiro di Kapustin Yar, ha colpito con precisione un bersaglio situato ad oltre 100 km

0

Durante le esercitazioni al poligono di tiro di Kapustin Yar nella regione di Astrakhan, le truppe russe hanno lanciato il missile balistico dal complesso tattico-operativo missilistico Iskander-M colpendo con precisione un bersaglio situato ad oltre 100 km. A rivelarlo la rivista del ministero della Difesa russo ‘Krasnaya Zvezda‘.

«Al termine delle esercitazioni, i militari hanno caricato le attrezzature sui convogli ferroviari e si sono messi in marcia verso le basi di dislocazione permanente», si legge.

La moderna piattaforma missilistica Iskander, attualmente utilizzata dall’esercito russo, è disponibile in due varianti: il missile balistico tattico a corto raggio Iskander-M e la piattaforma missilistica da crociera Iskander-K. I due condividono lo stesso veicolo di lancio,  ma hanno diversi funzionalità. L’Iskander-M, utilizzato durante le esercitazioni, è in grado di effettuare attacchi ad alta precisione fino a 500 chilometri. Il sistema è progettato per sostituire i vecchi missili tattici Tochka-U. Questo, pur disponendo di un’ampia gamma di testate convenzionali, può essere dotato anche di una nucleare.

(video tratto dal canale Youtube di RT)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->