martedì, Ottobre 26

Isis all’attacco field_506ffbaa4a8d4

0

Al bar di Mario il geometra Zenone sfoglia il quotidiano davanti a un bel caffè brunito.

Adesso anche Jakarta…”,  dice, “ …e l’altro giorno Istanbul. Certo che fino a quando l’Isis colpisce parlare di integrazione con i musulmani sarà davvero difficile…”.
Bè, insomma”, abbozza l’Assessore alle Politiche Giovanili Abbozzo “Saranno mica così tutti i musulmani. E poi anche i cattolici hanno avuto le crociate. Ma soprattutto la religione è l’oppio dei popoli, non dimentichiamocelo”.
Castronerie!”. replica Pistozzi, baciando il crocefisso su cui è immolato il lidèr maximo Umberto Bossi, con tanto di corona di risotto giallo a cingergli il capo “Qua tutti sti muslim c’hanno rotto i coglioni! Non mangiano maiale, non bevono vino, si sposano cinque donne per volta, ma che razza di cristiani sono?”.
Appunto, son musulmani…”, obietta il giovane Acido, rapper corrosivo di periferia.
E non c’è mica da vantarsi per questo!”, fa Pistozzi “Pensa ai nostri giovani allevati a bamba e shottini, che futuro gli lasciamo? Andare a troie e negare l’evidenza! Queste le nostre radici, queste le tradizioni da portare avanti!”.

Richtig, schwanz!”, conferma il fantasma di Otto von Bismarck che aleggia sopra i loro capi “Dice bene uomo che detesta Roma e poi plaude film su Barbarossa finanziato da soldi pubblici italiani, kamm schlampe! Viva il Reich e viva Stato di mozzarella!”.

Plaude ironicamente l’ateo apolitico atarassico Arturo, agitando ostentatamente la sua copia de ‘Il Fatto Quotidiano’. Non lo legge mai, ma quando entra in libreria attira sempre i sorrisi complici degli hipster con la barba folta e le maniche corte. Anche se è gennaio e fuori grandina.

Certo che a dir cazzate qui si fa la gara, eh! Come se non sapeste che essere musulmani oggi è più difficile che essere condomini rispettati all’Olgettina!”.
No!”, ruggisce Tano il meccanico, scattando in piedi “Io ho trovato moglie all’Olgettina!”,  e scappa via, piangendo e fustigandosi la schiena con verghe di fustagno e acciaio. Ecco perché diceva che andava a fare la spesa ad Arcore, la troia.

Si fa presto a banalizzare e a ridurre tutto allo stesso brodo di giuggiole! Però, dico io, la coscienza di sapere almeno la differenza tra sciiti e sunniti, ce l’avete? La sapete, eh?”.
I primi estraggono il petrolio e i secondi pure?”, prova l’ambientalista Pozzi.
Nessuna, nella morte?”, ride, e lo fa solo lui, il provetto comico Sciagura.
Ma quindi c’è anche qui una bomba?”, chiede il vecchietto col bianchino a Mario il barista.

Negher!”, sbotta Pistozzi, pigiando il pugno sul bancone e facendo schizzare per aria tre crodini, una oransoda e il bianchino del vecchietto da bar che, per il dolore, schiatta sul colpo “La colpa è sempre e solo dei negher!”.

Ovviamente subito dopo si scatena il pandemonio: un commando dell’Isis prorompe nel bar e al grido di Allah Akbar sequestra Pistozzi chiedendo in cambio della ricotta di capra. Il bar è unanimemente d’accordo nel lasciargli Pistozzi, eccezion fatta per il fantasma di Otto von Bismarck che per la delusione opera su se stesso un esorcismo e si nebulizza in una nube di fuoco. Mario il barista ne approfitta e crema così il corpo del vecchietto, evitando di scomodare le pompe funebri. Si accoda alla gran fiammata anche Tarocco il cartomante che dal fondo del locale accorre a lunghe falcate per accendersi una sigaretta.
E che si fotta Sirchia”, mugugna suggendo come se non vi fosse domani.
Tutt’attorno solo caos e distruzione.

Il geometra Zenone nel frattempo è arrivato tranquillo in fondo al quotidiano, nella sezione dei programmi televisivi.
Per fortuna stasera c’è ‘Il banco dei pugni’ con la famiglia Gold”, dice finendo di sorseggiare il suo caffè.

 

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->