mercoledì, Aprile 14

IS e il potere ad Abu Bakr al-Baghdadi?

0

Militari in Iraq rivendicano che la loro forza aerea ha colpito un convoglio nella provincia occidentale di Anbar, che ha incluso il leader ISIS Abu Bakr al-Baghdadi, che però non è morto come si credeva dal principio. In comunicato militare infatti, stilato in precedenza, prima dei recenti fatti, si poteva leggere: “le forze aeree irachene hanno bombardato il convoglio del terrorista Abu Bakr al-Baghdadi, mentre si stava dirigendo a Karabla a partecipare ad un incontro con i comandanti Daesh”. La posizione dopo la riunione comune è che invece è stata anche bombardato un convoglio e molti dei leader del gruppo sono stati uccisi e feriti, ma non al Baghdadi. Un certo numero di alti dirigenti in Iside sono stati uccisi in un attacco aereo dopo Air Force Iraq ha affermato di aver colpito un convoglio militare che trasporta il capo jihadista Abu Bakr al-Baghdadi in Iraq. Una dichiarazione di militari, sostenitori  in precedenza dell’attacco, ha avuto luogo nella provincia irachena di Anbar, ma hanno ammesso che non era chiaro se al-Baghdadi era stato ucciso.

I residenti locali e diverse fonti ospedaliere hanno detto a ‘Reuters‘ che il leader di IS non era tra le vittime del raid aereo convoglio. Si pensa che lanci di missili iracheni abbiano preso di mira il convoglio mentre stava viaggiando per un incontro vicino al confine siriano nella parte occidentale di Anbar oggi.

Nella riunione è stato anche presa di mira la posizione dell’irachena Air Force, che ha sostenuto ‘molti dei leader del gruppo uccisi e feriti’.IS effettuerà una chiamata alle armi dal 9 novebre prossimo in Europa per reclutare entro due anni fanatici dei migranti in Libia con la promessa di ‘vergini bianche’ “, sostiene il cugino esiliato di Gheddafi e l’ex inviato speciale Ahmed Gaddaf al-Dam, prestanome più anziano del deposto dittatore, ex inviato speciale del clan Gheddafi, che ha dato un drammatico avvertimento della minaccia terroristica rappresentata da ISIS in Libia, in un’intervista al ‘MailOnline‘. Le rivendicazioni del gruppo terroristico invaderanno l’Europa con 500.000 immigrati quest’anno, come  ha confermato Gaddaf al-Dam, in esilio al Cairo, tenendo una conferenza comune per tutti le parti – tra cui IS – per decidere il futuro del Paese per l’allarme USA sullo Stato Islamico, nel tentativo di guadagnare influenza politica libica e alleati, che sostengono che si è capovolto chi potrà essere il prossimo leader successore di Gaddaf al-Dam nel paese caotico, come sostiene un terzo della popolazione sostenitrice ancora del clan di Gheddafi. Le chiamate in onore di suo cugino morto, un ‘santo’, dice Hillary Clinton dovrebbero ‘tornare indietro’ e i leader del Regno Unito seguono America ‘come un cane’ da Hannah  tanto che basterebbe un avvertimento a Gheddafi e IS farebbe saltare tutto tramite una scintilla che convolgerebbe il mondo intero nella sua esplosione.

(tratto dalla sezione video del sito della ‘CNN News’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->