lunedì, Agosto 2

Iran-Siria: per la prima volta al tavolo diplomatico field_506ffb1d3dbe2

0

Il Ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif, insieme ai suoi vice, ha deciso di presenziare ai colloqui di pace sulla siria, a Vienna questo venerdì. E ‘la prima volta che l’Iran aderisce ad un tavolo di discussione globale allo scopo di trovare un accordo che miri a trovare una soluzione pacifica in territorio siriano, pur essendo stato invitato ad appuntamenti simili, già nel 2012 e nel 2014 a Ginevra. I colloqui mirano a trovare un quadro multilaterale per una transizione politica a Damasco. La notizia è arrivata quando da Washington hanno fatto sapere di essere disponibili ad impegnarsi con l’Iran, se questo potrà essere utile a fermare la guerra in Siria. Colloqui, che vedranno riuniti paesi come Russia, i massimi rappresentanti degli Stati membri dell’Unione europea, la Francia, l’ Arabia Saudita e la Turchia. Fonti diplomatiche sentite dai media hanno riferito che ai colloqui presenzieranno anche Iraq, ed Egitto. Quasi due anni fa, ricorda il The Guardian, un’offerta simile rivolta all’Iran come invito a partecipare a una prima fase di colloqui a Ginevra, era stata frettolosamente annullata, e ritirata dal segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, dopo una forte opposizione dagli Stati Uniti, Gran Bretagna e gruppi di opposizione siriani. Ma lo spargimento di sangue e lo stallo diplomatico ha comportato un peggioramento della crisi dei rifugiati, così come il recente intervento militare russo ha pressato la comunità internazionale nel trovare un nuovo approccio per porre fine alla guerra.

(Servizio tratto dal canale ‘You Tube‘ della emittente ‘CCTV‘)

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->