martedì, Maggio 24

Iran: per l’accordo sul nucleare AIEA in campo I massimi leader iraniani si incontreranno sabato con il funzionario internazionale incaricato di indagare sulle passate attività nucleari della Nazione. La chiusura dell'indagine condizione per chiudere la riattivazione dello JCPOA

0

I massimi leader iraniani si incontreranno sabato con il funzionario internazionale incaricato di indagare sulle passate attività nucleari della Nazione. Questo potrebbe significare una potenziale soluzione a una delle questioni chiave rimanenti che impediscono un riavvio dell’accordo atomico di Teheran con le potenze mondiali, il Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA).

L’Iran ha chiesto all’Agenzia internazionale per l’energia atomica di concludere la sua indagine in stallo sulle tracce di uranio trovate in siti non dichiarati come parte dell’accordo per riattivare JCPOA del 2015, che ha chiuso il programma atomico della Repubblica islamica in cambio dell’allentamento delle sanzioni.

Ma i negoziatori occidentali hanno detto che non è possibile perché l’AIEA lavora in modo indipendente e non ha il potere di mandare in corto circuito un’indagine.
Il direttore generale dell’AIEA, Rafael Mariano Grossi, ha dichiarato oggi di essere comunque ‘ottimista’ sul fatto che i suoi ispettori possano trovare una soluzione che preservi l’indipendenza della sua agenzia mentre avanza la possibilità di un accordo.
Il portavoce del Ministero degli Esteri iraniano, Saeed Khatibzadeh, ha dichiarato lunedì 28 febbraio che rimangono tre questioni da risolvere: la portata dell’allentamento delle sanzioni, l’indagine dell’AIEA sulle tracce di uranio trovate in siti non dichiarati; se gli Stati Uniti possonogarantirel’accordo.
Secondo ‘Reuters‘ l’Iran chiede anche agli Stati Uniti di revocare la designazione di organizzazione terroristica straniera (FTO)contro il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche (IRGC) dell’Iran.

Rilanciare lo storico accordo nucleare con l’Iran,durato sette anni, sarebbe di sollievo per i mercati energetici globali. Il petrolio è salito a 116 dollari al barile tra la guerra della Russia all’Ucraina e la riluttanza di altre Nazioni produttrici di petrolio ad aumentare significativamente la produzione.
Se ci fosse un accordo a Vienna, il settore energetico iraniano, che ha un disperato bisogno di investimenti, sarebbe aperto agli affari in un momento in cui l’Occidente sta cercando di mitigare le interruzioni energetiche dovute al conflitto in Ucraina e le sanzioni alla Russia.
C’è dunque attesa per il ritorno dei barili iraniani sui mercati globali quest’anno.
L’Iran, che detiene la seconda riserva mondiale di gas naturale e la quarta riserva di greggio, potrebbe aumentare le esportazioni di circa 1 milione di barili al giorno entro pochi mesi dalla chiusura dell’accordo.

L’accordo originale garantiva all’AIEA una supervisione senza precedenti sugli impianti nucleari iraniani, che hanno parzialmente perso dopo che l’Amministrazione Trump si è ritirata unilateralmente dall’accordo per imporre radicali sanzioni statunitensi.

I negoziatori che sono al loro 11° mese di diplomazia a fasi alterne a Vienna si sono consultati con i funzionari dell’AIEA mentre i colloqui si avvicinano alla loro conclusione. I diplomatici, che hanno ripetutamente superato i limiti di tempo precedenti, hanno avvertito che mancano pochi giorni per salvare l’accordo. «Queste trattative stanno arrivando a un punto decisivo», ha affermato Grossi, i cui precedenti tentativi di portare avanti le indagini della sua agenzia attraverso le negoziazioni sono falliti. Stiamo lavorando molto duramente per raggiungere un accordo.
Alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco il mese scorso, il Ministro della Difesa israeliano Benny Gantz aveva affermato che è essenziale che l’AIEA continui a indagare sull’Iran in caso di ripresa dell’accordo nucleare, a cui Israele si oppone. L’indagine dell’agenzia era stata innescata da un deposito di documenti portati fuori dall’Iran da spie israeliane. 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->