mercoledì, Aprile 21

Iran, dopo missili e aerei ecco il tank T-90

0

L’Iran è sempre più in prima linea per il rinnovo del suo arsenale militare. Presentato in questi giorni il nuovo carro armato sviluppo Karrar, progettato interamente in Iran e di cui è stata avviata la produzione in serie. Un modello questo che è, a detta dei tecnici, molto simile ai T-90 russi.

«Il carro armato può competere con tutti i carri più avanzati al mondo in tre aree principali: potenza, precisione e la mobilità, così come per l’affidabilità sul campo di battaglia» ha detto alla presentazione del carro il Ministro della difesa iraniano Hossein Dehghan. Inoltre il carro può guadare fiumi, passare sott’acqua e superare dislivelli importanti. Tanta la tecnologia al suo interno: è in grado colpire obiettivi con missili guidati, oltre ad avere sistemi di comunicazione e navigazione resistenti al fuoco nemico, e una struttura capace di resistere a diversi tipi di armi anticarro.

Ma l’Iran,come detto, è da diverso tempo che si sta muovendo su più fronti. Già ad inizio anno diversi i test missilistici, l’ultimo il 5 marzo scorso quando ad essere lanciati furono due missili balistici a corto raggio. Il giovedì successivo invece l’inizio dei test del caccia stealth Qaher 313. Segno che il Paese ha accettato la sfida tecnologica ed è pronto a mostrare i muscoli ai propri vicini, qualora fosse necessario. E chissà che magari non possa tornare utile questa produzione, anche per vendere il materiale all’estero.

(video tratto dal canale Youtube di RT)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->