domenica, Aprile 18

Io sto con Gigi D’Alessio. Forse field_506ffbaa4a8d4

0

Al bar di Mario il geometra Zenone sfoglia il quotidiano davanti a un bel caffè brunito.

Hanno fatto sparire il nome di Gigi D’Alessio dall’ambulanza”,  dice “Quella che lui stesso aveva contribuito ad acquistare insieme ad alcuni sponsor, giù a Caserta”.
E’ un bel casino”, abbozza l’Assessore alle Politiche giovanili Abbozzo “Riuscirà lo stesso l’ospedale a funzionare, ora? ”.

Bitumate!”, replica Pistozzi, massone leghista che nelle noti di luna piena comunica con gli alieni intagliando a mano cerchi nel grano. A forma di Umberto Bossi. “Inutile ironizzare, la verità è che lo stato mafioso ostracizza i gesti di bontà cristiana! ”.
Ma a lei ideologicamente  non dovrebbe stare sulle scatole D’Alessio?”, obietta il giovane Acido, rapper corrosivo di periferia.
Solo perché è un terùn? ”, fa Pistozzi “E allora dovrei avercela pure con tutti i filippini che lavorano in nero nella mia azienda! Ma no, gli amici degli amici sono amici miei, specie se sono certi tipi di amici!”.

Richtig, schwanz!”, conferma il fantasma di Otto Von Bismarck che aleggia sopra i loro capi “Se dai troppe colpe su straniero finisce che passi per volgo razzista. Basta essere prudente, specie se camorra è di mezzo, anche se non questo è caso. Viva il Reich e viva la mozzarella!”.

Plaude ironicamente l’ateo apolitico atarassico Arturo, agitando ostentatamente la sua copia de ‘Il Fatto Quotidiano’. Si narra che una volta la estrasse dalla roccia diventando da quel giorno Re di Camelot.

Ma forse fate a gara a chi ha più paura? Cos’è, non avete il coraggio di ammettere i loschi trascorsi del cantore di Napoli?”.
No!”, ruggisce Tano il meccanico “Non si può parlare di Napoli senza luoghi comuni!”, e scappa via, ballando la tarantella con una pizza in mano e il mandolino tra i baffi, tessendo le lodi di Maradona di cui indossa la maglietta chiazzata di sugo.

Vogliamo forse dimenticare che lui stesso ha ammesso di essere stato protetto dai grandi boss? Talento puro, ma vogliamo dircelo come è giunto al successo o no?”.
Cantando spassionatamente l’orrore della Terra dei Fuochi?”, prova l’ambientalista Pozzi.
Perché è bravo?”, ride, e lo fa solo lui, il provetto comico Sciagura.
Ma è quello che duettava con la ragazza di 14 anni che poi ha sposato?”, chiede il vecchietto col bianchino a Mario il barista.

Negher!”, sbotta Pistozzi, pigiando sul bancone e facendo schizzare per aria quattro sprite, uno Swatch e il bianchino del vecchietto da bar che, per il dolore, schiatta sul colpo. “La colpa è sempre e solo dei negher!”.

La susseguente devastazione è ampiamente prevedibile: dai telefonini preistorici degli avventori del bar si materializzano in forma incattivita i follower del D’Alessio, che cominciano a pungolare l’ateo apolitico atarassico Arturo con minacce e insulti in codice binario che lui fatica a decifrare. I follower non taggano Pistozzi né i suoi insulti razzisti: in fondo fanno pure ridere, ma l’oltraggio al loro idolo no, quello non va tollerato. Otto Von Bismarck per una volta è contento e incita tutti ad ammazzarsi, indistintamente. Le lame stanno per scattare ma alla fine compare Gianluca Grignani che comincia a vomitare a spruzzo, giusto un poco ubriaco. I follower si accaniscono su di lui e lo uccidono a colpi di dislike, facendosi intanto selfie con il cadavere del vecchietto. Approfittando della confusione il cartomante Tarocco dal fondo del locale di accende una sigaretta. Almeno quella, non elettronica.

E che si fotta Sirchia”, mugugna suggendo come se non vi fosse domani.

Tutt’attorno solo caos e distruzione.

Il geometra Zenone nel frattempo è arrivato tranquillo in fondo al quotidiano, nella sezione dei programmi televisivi.
Per fortuna stasera danno ‘Gli intoccabili’ con Robert De Niro”, dice finendo di sorseggiare il suo caffè.

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->