sabato, Dicembre 4

Io ne ho viste cose che voi italiani … Ho visto Presidenti … Catalogo ragionato degli orrori quotidiani

0

«Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi: navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione, e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser».

Mentre a commento di quanto quotidianamente succede attorno a noi si citava questa fantastica e ormai idiomatica frasepronunciata dal replicante Roy Batty (Rutger Hauer) in ‘Blade Runner’ di Ridley Scott (correva l’anno 1982), tanto usata e abusata da essere, ahimé, ormai logorata, Fabio Massimo Aureli interveniva fermandoci. «No. PiuttostoHo visto cose che voi italiani…». Velocità di intuizione, rapidità di esecuzione è la definizione di genialità fatta propria da un autentico genio rivoluzionario quale ArrigoRigheSacchi. E se Baudelaire si sentì un giorno sfiorato dall’ala dell’imbecillità volteggiante su di lui, noi abbiamo riconosciuto nelle parole di Aureli quella della genialità, magari involontaria (deve pur girare e pure posarsi da qualche parte, se non altro per controbilanciare). E così cogliendone l’essenza, nani sulle spalle di giganti, riprendiamo il suo spunto. E qui si racconteranno, tra raccapriccio e grottesco alla Dario Fo & Franca Rame (davvero da lillipuziani sul bavero di colossi), le tante cose che noi italiani

Lascio volentieri al sodale e compagno di trascorse e nuove avventure giornalistiche, editoriali e d’ogni altro genere Gabriele Della Rovere, vecchio amico di giorni e pensieri, il grato compito di raccontare cose che noi italiani… Grato il raccontarle (sempre e comunque), molto meno il vederle realmente accadere. Quanto al finale di quella struggente e drammatica frase, in realtà la parte davvero significativa, beh

 

Gabriele Paci

 

Io ne ho viste cose che voi italiani non potreste immaginarvi. Ho visto Presidenti della Repubblica che chiariscono in ogni modo, ormai in maniera pure patentemente irritata, tanto più pesante in chi è di sua natura assolutamente garbato, di non avere nessuna intenzione di accettare un altro mandato e commentatori politici giornalisti grattaccheccari rilanciare dicendo che sì, ma, insomma, alla fine comunque accetterà e poi bisogna pensare ad Ambrogio e non si capisce bene se il riferimento sia al vescovo o al maggiordomo della contessa dei cioccolatini.

Io ne ho viste cose che voi italiani non potreste immaginarvi. Mucchi di mascherine in fiamme al lago di Oristano da parte di chi ‘Avendo studiato’ (due video su You Tube) ritiene di saperne più di chiunque altro, scienziati ricercatori medici compresi, e intanto va in giro a contagiare come un untore manzoniano, ma esistente.

Io ne ho viste cose che voi italiani non potreste immaginarvi. Eho visto i raggi Boiate balenare nel buio vicino alle porte di Tangentopoli, che sarebbe stata tutta più o meno una montatura (illusione sì, montatura no), ma in ogni caso adesso è un altro tempo e un’altra stagione.

Io ne ho viste cose che voi italiani non potreste immaginarvi: professori universitari sostenere che il Virus del Covid 19 non esiste e taroccare le statistiche rimediando meschine figure, ho visto parlamentari eletti dagli italiani, e dagli italiani pagati, giocare alla mascherina libera tutti con gli avalli degli organi competenti, e ho visto nazisti neanche troppo neo e cristiani neanche troppo cristiani spacciarsi per eredi degli ebrei vittime dell’Olocausto ed essi stessi vittime del nuovo Olocausto, e ho visto…

E ho visto, ho visto, ho visto e non vorrei aver visto. E mi opprime il fatto che tutti quei momenti non andranno perduti nel tempo, come lacrime nella pioggia, anzi sembrano proprio destinati a ripetersi, e pure in peggio. E’ tempo che vadano tutti a morì amm

 

IO NE HO VISTE COSE CHE VOI ITALIANI… /1(continua)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->