martedì, Gennaio 25

Io ne ho viste cose che voi italiani … Anzi le ho riviste Se errare è umano, e perseverare diabolico, qui da noi il Diavolo deve aver messo su casa

0

Io ne ho viste cose che voi italiani non potreste immaginarvi... Anzi ne ho riviste. Ché se errare è umano (troppo umano) e perseverare diabolico, il diavolo da queste parti ha messo su casa. Anzi ha costruito un complesso residenziale. Ho rivisto Sergio Mattarella, Presidente della Repubblica in carica essere desideroso, personalmente ed ancor più istituzionalmente, di andarsene a godere il meritato riposo, ma soprattutto essere desideroso di consegnare il Quirinale ad altre mani. Magari, e finalmente, femminili. E l’ho visto ancora una volta chiarire come fosse dinnanzi a bambini che non ci arrivano (ma ci arrivano, ci arrivano, è che sono fatti così) di non avere nessuna intenzione di continuare. E ho visto quelli, quelli che ci arrivano ma fanno finta di non capire, rilanciare ancora una volta, ché sì, ma, insomma, però, in fondo se il Paese chiama…

E ho visto le più diverse categorie umane, e spesso inumane agire così. E a commentatori, politici, giornalisti, grattaccheccari che già segnalavamo, aggiungersi avvocati, operai, contadini, studenti medi dai quattordici ai diciassette, allevatori di tori, vidimatori di biglietti, tecnici degli ascensori, tassinari, mercenari, mercenarie, architette, cuoche, balie, dentiste, farmaciste, farmacisti, matematici, matematiche, erboriste, ballerine di riviste, professori, minatori, veterinari ed altri tipi di dottori, e poi chi più ne ha più ne metta… E tutti a fare come se niente fosse. O fosse tutto…

E ho rivisto gli stessi (commentatori, politici, giornalisti, grattaccheccari, avvocati, operai, contadini, studenti medi dai quattordici ai diciassette, allevatori di tori, vidimatori di biglietti, tecnici degli ascensori, tassinari, mercenari, mercenarie, architette, cuoche, balie, dentiste, farmaciste, farmacisti, matematici, matematiche, erboriste, ballerine di riviste, professori, minatori, veterinari ed altri tipi di dottori, tutti in rappresentanza del più vasto tutto) continuare a fare finta di niente (o di tutto) dinnanzi al virus Covid 19. Ne ho visti e viste tanti e tante pentirsi dopo che d’attorno erano morti a frotte familiari ed amici. Per causa propria. Pentirsi ma non al punto di comprendere di essere stati assassini a piede libero, e che lo sono quelli che continuano a fregarsene, e non ammettono (o non capiscono, o capiscono e allora è pure peggio) di avere rotto il patto sociale di rousseauiana memoria.

E li ho visti pure irritarsi inalberarsi offendersi fuggire quando qualcuno prova delicatamente a dirglielo che sono “Assassini”, “Assassini”, “Assassini”, “Assassini”, “Assassini”, anzi appunto Assassini a piede libero. E qui ci ripetiamo noi, ma quando ci vuole ci vuole.

Io ne ho viste cose che voi italiani non potreste immaginarvi... Mascherine di nuovo in fiamme a cura degli autolaureati in virologia e dintorni, untori manzoniani che camminano tra noi. E ho visto, ho visto, ho vistoE già mi stavo rassegnando al fatto di avere visto che devo fare i conti con il contrappasso dantesco di avere rivisto, e rivisto, e rivisto…

 

IO NE HO VISTE COSE CHE VOI ITALIANI NON POTRESTE IMMAGINARVI /2 (continua)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->