sabato, Settembre 25

Internet veloce in Africa sud-sahariana? field_506ffbaa4a8d4

0

Potrebbe essere lanciato un satellite entro il 2016 in AfricaFacebook sta collaborando con l’operatore satellitare francese ‘Eutelsat‘ per lanciare un satellite che porterà la connettività una rete veloce a più di 14 Paesi in Africa, nella zona sub-sahariana. Il satellite si chiama Amos-6, ed è previsto che la sua costruzione termini a breve e venga lanciato in orbita appunto entro il 2016, come ha scritto su Facebook il CEO FB, Mark Zuckerberg, in un post: “Facebook ha esplorato il modo di utilizzare aerei e satelliti per l’accesso a Internet veloce già nella comunità europea ed americana direttamente dal cielo. Per collegare le persone che vivono in regioni remote, l’infrastruttura di connettività tradizionale è spesso difficile e inefficiente, quindi abbiamo bisogno di inventare nuove tecnologie“.

Il progetto sarà condotto sotto la sua iniziativa e in collaborazione con ‘Internet.org’, che mira a portare l’accesso a Internet ai due terzi del mondo in grado di riceverlo. Tra gli altri progetti si include l’utilizzo di droni ad energia solare per i segnali di Internet nelle zone rurali chiave, e il set-up dell’ ‘Innovation Lab’ per simulare quei problemi di connettività presenti nel mondo reale. Allo stato attuale l’accesso a Internet in Africa è veramente difficile: i più bassi livelli di connettività a banda larga, a causa del pessimo stato della banda larga, principalmente nelle zone dell’Africa sub-sahariana (secondo quanto detto nel rapporto delle Nazioni Unite). Secondo l’ONU, la disponibilità di Internet raggiunge meno del 2% della popolazione in Guinea, Somalia, Burundi ed Eritrea.

(tratto dal canale ‘Youtube’ di un utente, che riprende video di ‘newsy’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->