martedì, Maggio 18

International Arab Film Festival in Algeria field_506ffbaa4a8d4

0

Il nono Festival Internazionale del Cinema Arabo di Oran (FIOFA), Algeria, ha aperto i battenti venerdì sera 22 luglio con la presenza del Ministro della Cultura Azzeddine Mihoubi e si concluderà oggi. I 34 film che concorrono per il Leone d’Oro provengono da 14 paesi arabi e sono stati suddivisi in tre categorie. Così in concorso vi sono 12 lungometraggi, 12 cortometraggi e 10 documentari. Tutti sono stati prodotti  per raccontare le realtà e l’attualità così com’è vissuta nel mondo arabo. La maggior parte dei film che ha suscitato grande interesse di critica è quella che riguarda i lungometraggi, poiché affrontano problematiche ancora più profonde per quanto concerne i costumi arabi.

La cerimonia di apertura si è tenuta al Teatro Abdelkader Alloula a Oran e hanno partecipato una serie di superstar del cinema arabo, tra cui Aymen Zidane dalla Siria, Dalia Mostafa dall’Egitto, Youcef El Khal dal Libano e Fawzi Saichi dall’Algeria.

Inoltre, questa nona edizione algerina ha celebrato il regista egiziano Youssef Chahine con una sezione intitolata ‘Youssef Chahine: Una storia d’amore tra l’Egitto e l’Algeria’, che ha lo scopo di mettere in mostra i 40 anni successivi al rilascio del film di Chahine ‘Awdet El-Ibn El-Dal’ (Il ritorno del figliol prodigo, 1976).

Infine, per commemorare il 400° anniversario della morte di William Shakespeare, il festival ha proiettato tre adattamenti cinematografici di opere teatrali del commediografo inglese .

 

 

(video tratto dal canale YouTube di Africanews)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->