lunedì, Giugno 27

Insieme per il (proprio) Futuro L'avventura politica di Di Maio & Co.

0

E, dunque, insieme per il proprio futuro, Luigi Di Maio & Co. marciano allegramente assieme. ‘Insieme per il Futuro‘ è infatti il paradossale nome della nuova compagine politica. Parecchie decine di parlamentari, anche oltre i sessanta, lasciano il M5S e si iscrivono al nuovo Gruppo. «È stata l’accelerazione di un processo iniziato mesi fa, da quando la linea del M5S sul Quirinale ha cominciato a creare disagi a molti» spiegano. C’è stata la svolta in un momento delicato per la Risoluzione sull’Ucraina «proprio per chiarire che era grave discordare con il Governo sulla politica estera».

Altro obiettivo secondo i parlamentari vicini a Di Maio era evitare che la mossa fosse letta come pretestuosa se ravvicinata nei tempi ad altre decisioni che attendono il M5S, come quella sul doppio mandato. Per quanto… Dei 227 parlamentari complessivi che erano rimasti (155 alla Camera e 72 al Senato) molti quelli pronti a mettersi alle spalle il MoVimento. Fra la cinquantina di Deputati che hanno finora sottoscritto per la creazione del nuovo Gruppo ci sono anche il Viceministro dell’Economia Laura Castelli, il Questore della Camera D’Uva, Vincenzo Spadafora, il Sottosegretario agli Esteri Manlio Di Stefano. Fra i Senatori, Primo Di Nicola, Vincenzo Presutto, Trentacoste, Campagna, Donno, Vaccaro, Simona Nocerino.

Il Presidente della Camera Roberto Fico accusa. «La scissione è una operazione di potere e non politica, che è cosa diversa. Ed è stata usata con una strumentalità senza precedenti». L’ex sindaca di Torino, Chiara Appendino, è pure critica nei confronti della scelta di Di Maio e compagnia. Giuseppe Conte ribadisce che resterà a capo dei Cinquestelle. «Se ho mai pensato di lasciare la guida del MoVimento? E per quale motivo?». Rilancia. «Come ho sempre detto la mia casa politica è quella del MoVimento 5 Stelle e finché ci sarà un’idea condivisa di futuro, questa continuerà ad essere. Di Maio e diversi parlamentari hanno fatto una scelta che non condivido assolutamente, ma questo non cancella quanto fatto e vissuto insieme in tutti questi anni. Che, nel bene e nel male, ci ha portato ad essere ciò che siamo».

Conte assicura anche il proprio appoggio al Governo Draghi. «Il sostegno non è in discussione. Il MoVimento rimarrà la prima forza politica ad occuparsi di tutti quei temi, dalla giustizia sociale alla transizione ecologica, che fanno parte dell’ossatura del MoVimento 5 Stelle». Imminente il primo incontro collettivo di Senatori e Deputati scissionisti con la presenza del Ministro degli Esteri loro leader.

Nel percorso verso le imminenti Elezioni Politiche di inizio 2023 eravamo arrivati sino a ‘Viva Italia Viva!‘ 14 giugno 2022. Che già… Adesso siamo passati al MoVimento Cinque Stelle, con ‘Cinque Stelle. Esplose‘ di ieri 21 giugno 2022. Oggi si tocca con mano come Di Maio e i suoi disintegrano il MoVimento. Tocca ripeterci, ma davvero da noi le tragedie storiche che in genere si ripropongono in farsa (cit.), purtroppo da farsa cominciano subito.

L’avventura politica di Di Maio & Co. porta a polvere di Cinque Stelle. Ma senza Alberto Sordi e Monica Vitti, e non è una gran cosa.

POLITICHE 2023: IL FUTURO CHE CI ASPETTA /4 (continua)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Giornalista. Editore con ‘La Voce multimedia’

End Comment -->