giovedì, Maggio 13

Indonesia, una storia di attentati

0

Gli attacchi avvenuti a Giacarta oggi, 14 gennaio, non sono una novità in Indonesia. Movimenti islamici agiscono usando il terrore nel Paese ormai da anni. Diversi gli obiettivi, dagli hotel alle ambasciate, per colpire gli stranieri, ma la ‘mano’ rimane sempre la stessa, o quasi. Nell’ultimo caso il copione è statoi rispettato: stando a quanto riporta l’agenzia di stampa Aamaaq, legata allo Stato islamico, l’Is ha effettuato gli attacchi colpendo cittadini stranieri e forze di sicurezza. Il gruppo di assalitori però poteva fare veramente una strage. Secondo gli investigatori, volevano infatti seguire l’esempio degli attentati di Parigi. E proprio il leader di Al Qaeda Ayman al-Zawahiri ha lanciato un messaggio chiaro a Indonesia, Malaysia e Filippine, affermando che la regione è pronta per una riscossa jihadista, analoga a quella a cui si assiste in altre regioni musulmane.

Giacarta è solo l’ultimo degli obiettivi del terrorismo di stampo jihadista o radicale. In principio fu Baku nel 2002, con oltre 200 morti in un attentato rivendicato da Al Qaeda, poi nel 2003 l’hotel Marriott proprio a Giacarta. Fino ad arrivare ai giorni nostri. Un video che riassume gli attacchi in Indonesia negli ultimi anni.

(video tratto dal canale Youtube della BBC News)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->