sabato, Ottobre 23

Indonesia: Covid-19, il picco si avvicina, ma ancora niente lockdown Il Paese non se la caverà bene se le previsioni di un focolaio ancora più grande alimentato da nuove varianti del virus si avvereranno. L’analisi di Tim Lindsey e Max Walden, scienziati dell’University of Melbourne

0

Nessuno conosce veramente il vero stato della pandemia di COVID-19 in Indonesia, e ciò significa che è imprevedibile. Ma ci sono buone ragioni per preoccuparsi di cosa accadrà dopo.

Quindici mesi dopo che l’Indonesia ha segnalato il suo primo caso di COVID-19, i test per il coronavirus rimangono tra i più bassi in Asia. Forse perché non è gratuito, i test hanno raggiunto solo il 40 per 1.000 persone, rispetto ai 115 nelle Filippine, ai 373 in Malesia e agli oltre 2.000 a Singapore.

I test sono migliori anche in Myanmar, dove un golpe militare ha scatenato proteste quotidiane e una situazione della sicurezza sempre più tesa.

E i risultati dei test dell’Indonesia non sono affidabili. Il Paese dipende ancora eccessivamente dai test rapidi dell’antigene, che sono meno accurati dei test PCR (reazione a catena della polimerasi).

Anche i rapporti ufficiali sulla morte dell’Indonesia sono discutibili. LaporCovid-19, un sito web indipendente creato per fornire informazioni accurate sulla pandemia, ha rilevato una discrepanza tra i 48.477 decessi correlati al COVID segnalati dal governo a maggio e il suo totale di 50.729. Ha raggiunto il suo conteggio semplicemente sommando il bilancio delle vittime di ogni provincia, e questo con i dati non aggiornati di sei province e nessuna di Papua.

In effetti, ricercatori e giornalisti hanno a lungo indicato “decessi in eccesso” significativi come prova di una significativa sottostima delle vittime di COVID in Indonesia.

Le morti in eccesso si riferiscono al numero di decessi che si verificano oltre quello che ci si aspetterebbe in un anno normale. Uno studio ha rilevato un aumento del 61% dei decessi in eccesso in Indonesia nel 2020 rispetto ai cinque anni precedenti, il che non si rifletteva nei dati ufficiali.

Ma anche sulla base dei dati ufficiali chiaramente inadeguati disponibili, i numeri dei casi COVID sono ora in aumento. L’Indonesia ha segnalato 2.385 nuovi casi il 15 maggio. Due settimane dopo, i casi giornalieri erano più che raddoppiati a 6.565.

Se i numeri continuano a crescere a questo ritmo, il sistema sanitario indonesiano non sarà in grado di farcela. Quando i casi giornalieri hanno raggiunto il picco all’inizio di quest’anno a 10.000-14.000 nuovi casi al giorno (ufficialmente), gli ospedali di Giacarta sono stati sopraffatti e i pazienti COVID sono stati allontanati.

E c’è una reale possibilità che i numeri tornino così in alto, forse anche peggio.

I Paesi della regione che hanno gestito bene la pandemia fino al 2020, come Vietnam, Thailandia e Malesia, stanno ora vivendo una terza e quarta ondata mortali. All’inizio di maggio, le autorità indonesiane hanno anche segnalato casi della variante britannica (B.1.1.7), della variante sudafricana (B.1.351) e della variante indiana (B.1.617.2), che sono più contagiose del ceppo originale.

A peggiorare le cose, l’Indonesia ha appena vissuto un evento nazionale super-diffusore: Eid al-Fitr, la festa islamica più importante.

Tradizionalmente, milioni di musulmani tornano nei loro villaggi d’origine per vedere la famiglia e gli amici durante questo periodo, un evento di massa noto come mudik. Temendo una ripetizione dell’anno scorso, quando i casi giornalieri sono aumentati del 93% dopo mudik, il governo ha vietato i viaggi quest’anno, la seconda volta che ha cercato di fermare il mudik.

Ma, come spesso accade in Indonesia, l’applicazione è stata gravemente carente e il mudik è andato avanti, anche se i numeri erano in calo. I gruppi di WhatsApp erano in fiamme con i modi per evitare i posti di blocco della polizia.

Negli ultimi quindici giorni, gli indonesiani sono tornati gradualmente nelle città, alimentando le preoccupazioni per un grave focolaio.

Questo sta accadendo nella vicina Malesia, dove il governo ha annunciato un blocco totale post-Eid dell’intero paese poiché i giorni consecutivi di infezioni record hanno catapultato il suo carico di lavoro totale sopra 550.000.

Anche in Vietnam, il governo ha appena imposto un blocco di due settimane alla città più grande, Ho Chi Minh City, con l’intenzione di testare tutti i 9 milioni di residenti.

Ma in Indonesia, con più di otto volte la popolazione della Malaysia e un sistema sanitario molto più debole, le cose vanno come al solito, o quella che il governo chiama la ‘nuova normalità’.

Il governo ha recentemente ampliato le sue restrizioni sociali a livello nazionale fino al 14 giugno, imponendo la chiusura di scuole, negozi e ristoranti di chiudere entro una certa ora ogni notte e limiti ai dipendenti ammessi negli uffici. Tuttavia, un blocco più robusto sembra ancora solo una possibilità remota.

Il lancio del vaccino in Indonesia potrebbe offrire una sottile dose di speranza. Sono state consegnate più di 27 milioni di dosi di vaccino e quasi il 4% della popolazione indonesiana (10 milioni su 270 milioni) è stato completamente vaccinato, rispetto al 3,6% in Malesia, al 2,7% in Giappone e al misero 2% in Australia.

Il programma vaccinale indonesiano è iniziato a gennaio con una combinazione di AstraZeneca, acquistata attraverso lo schema COVAX dell’Organizzazione mondiale della sanità, e i vaccini Sinovac di fabbricazione cinese. Ma la carenza di AstraZeneca, esacerbata dalla recente ondata di COVID in India, ha portato a una maggiore dipendenza dalla Cina.

Ad aprile, il governo indonesiano ha approvato Sinopharm per l’uso di emergenza e sono in arrivo le forniture dei vaccini cinesi CanSino e Sputnik V russi.

Ci sono preoccupazioni circa l’efficacia di questi vaccini, ma la maggior parte degli indonesiani sarebbe d’accordo che sono meglio di niente.

Ora è stato sviluppato un sistema di vaccinazione a doppio binario. Il governo offre vaccini Sinovac o AstraZeneca gratuiti a operatori sanitari, anziani e dipendenti pubblici e a pagamento a chiunque altro.

Allo stesso tempo, un programma autofinanziato dalle aziende offre ai propri dipendenti vaccini Sinopharm forniti dal governo.

Questo duplice approccio aiuterà ad aumentare il numero di vaccinazioni, ma solo di poco. Il programma aziendale è costoso e la maggior parte delle imprese medio-piccole, che rappresentano il 99% delle imprese in Indonesia, semplicemente non può permetterselo.

E i giovani, i poveri e i disoccupati – un gruppo in rapida crescita mentre l’economia continua a scivolare – hanno poche speranze di ottenere una dose.

L’aumento dei prezzi, la corruzione e altri crimini non fanno altro che peggiorare le cose. Diversi dipendenti pubblici sono stati arrestati il ​​mese scorso, ad esempio, per presunto furto di vaccini Sinovac destinati a un carcere, per venderli al pubblico.

Peggio ancora, l’ex ministro degli affari sociali Juliari Batubara è accusato di aver preso 17 miliardi di rupie (1,5 milioni di dollari australiani) in tangenti relative alla distribuzione di aiuti per il COVID-19 ai poveri.

E, più di recente, si ritiene che i dati della sicurezza sociale di 279 milioni di indonesiani, sia vivi che morti, siano trapelati e venduti sul dark web.

La stanchezza pandemica è davvero iniziata e questi scandali di alto profilo minacciano di accrescere ulteriormente la sfiducia tra gli indonesiani e il governo. Il Paese non se la caverà bene se le previsioni di un focolaio ancora più grande alimentato da nuove varianti del virus si avvereranno.

Se ciò accade, il governo potrebbe trovarsi di fronte a una catastrofe sanitaria incombente, crescenti disordini sociali e forse anche gravi tensioni politiche.

 

 

Traduzione dell’articolo ‘Indonesia may be on the cusp of a major COVID spike. Unlike its neighbours, though, there is no lockdown yet’ da ‘The Conversation’

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->