sabato, Luglio 24

India traina la domanda di petrolio: crescita record

0

L’India si conferma, in modo sempre più decisivo, la ‘locomotiva d’Oriente‘, nonché la ‘nuova Cina‘: con in testa New Delhi, il Paese traina la domanda di petrolio e altre materie prime. L’anno fiscale 2015-2016, chiuso a marzo, ha fatto registrare un incremento del Pil rispetto a quello del trimestre precedente, superiore alla crescita cinese.

Indubbiamente, a giocare un ruolo fondamentale nei tassi di crescita, è stato l’incremento della spesa pubblica per difesa e infrastrutture voluta dal premier, in carica da due anni, Narendra Modi. Altri fattori, seppur temporanei, hanno contribuito ad incrementare la crescita: gli incendi in Canada, per esempio.

L’Agenzia internazionale dell’energia (Aie) vede nell’India una centralità negli scenari futuri dell’energia e ha ribadito che il subcontinente «sta superando la Cina come mercato a maggiore crescita per il petrolio».

Sul fronte interno, l’import di New Delhi ha raggiunto il record storico di 3 milioni di tonnellate, di cui mezzo milione di diesel. Il motivo? Alcune raffinerie locali hanno rallentato il passo a causa di carenze di acqua, altre per una serie di dispute di natura fiscale. Tuttavia, nonostante la contingenza di questi fattori, la crescita dell’India poggia su un fattore tutt’altro che contingente: il successo di una politica economica che sta facendo crescere il Paese.

(Video tratto dal canale Youtube: euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->