mercoledì, Agosto 4

India – Stati Uniti: quando l’unione fa la forza I due ‘pesi massimi’ del populismo mondiale, Trump e Modi, serrano i ranghi. Ma molto potrebbe dividerli

0
1 2


Da un recente report del Servizio di ricerca del Congresso (Crs) degli Stati Uniti è emerso che nel 2018 il mercato a stelle e strisce è risultato il secondo del mondo per le esportazioni di merci indiane, dopo quello dell’Unione europea, con percentuali rispettivamente del 16 e del 17,8 per cento, e il terzo del mondo per le importazioni (6,3 per cento), dopo la Cina (14,6 per cento) e l’Ue (10,2 per cento). Secondo il Consiglio per le relazioni estere (Cfr), l’interscambio di beni e servizi tra i due paesi è passato tra il 1999 e il 2018 da 16 a 142 miliardi di dollari. L’India è divenuta l’ottavo partner commerciale degli Stati Uniti, con un volume paragonabile a quelli di Corea del Sud (167 miliardi di dollari) e Francia (129 miliardi). L’anno scorso, tuttavia, gli Stati Uniti hanno registrato un deficit commerciale di 23,2 miliardi di dollari con l’India.

In più occasioni Trump ha parlato della possibilità di un ‘grande accordo’, ma ha detto anche che potrebbe essere concluso dopo le elezioni presidenziali statunitensi.”La mancata conclusione anche di un accordo commerciale limitato manderebbe un segnale negativo all’industria e agli investitori in entrambi i paesi”, ha detto Biswal. Ma forse Trump è convinto del contrario e cioè di poter agitare lo spettro di una trattativa commerciale a fini elettorali, in particolare con l’elettorato degli agricoltori.

I negoziati tra le due parti hanno cercato per settimane di arrivare a un accordo limitato per dare agli Stati Uniti un maggiore accesso ai mercati lattiero-caseari e del pollame indiano nonché di abolire le regole locali di archiviazione dei dati, che, secondo le società americane, aumenteranno i costi per fare affari.

Modi, con un’economia in difficoltà,spera di ripristinare le preferenze esistenti per l’India come paese in via di sviluppo fino al 2019 e di espandere l’accesso ai mercati statunitensi per i suoi prodotti farmaceutici e agricoli, in cambio di un abbassamento dei dazi. La strada, però, a quanto pare è ancora lunga. 

Se la Cina, a livello politico-militare, unisce, la Russia potrebbe dividere: infatti un altro nodo spinoso per le relazioni tra Washington e New Delhi riguarda Mosca. In particolare, gli Stati Uniti hanno avvertito l’India di non acquistare sistemi avanzati di difesa missilistica S-400 di fabbricazione russa, esortandola a riconsiderare l’acquisto di quei sistemi d’arma, pena il rischio di sanzioni.

Non esiste una deroga generale. Il Congresso certamente non lo ha mai progettato né anticipato, né l’amministrazione“, ha detto un funzionario governativo americano facendo intendere che l’India non riceverà un trattamento diverso dalla Turchia. L’imposizione di misure punitive nei confronti di Nuova Delhi sarebbe adottata in linea con il Countering America’s Adversaries Through Sanctions Act (CAATSA), una legge del 2017 che prende di mira i Paesi che acquistano equipaggiamento militare dalle aziende contenute nella blacklist come quelle russe, iraniane e nordcoreane. 

Anche se non esiste una deroga generale, non esiste nemmeno un’applicazione coperta. E quindi ciò che intendo è che c’è un’analisi caso per caso su dove le sanzioni CAATSA potrebbero essere applicate. Le sanzioni della CAATSA possono anche comprendere in modo approfondito quanto siano profonde le entità e le persone. E quelle opzioni sono sempre lì“, ha aggiunto il funzionario nordamericano.

La storia di questo sistema d’arma risale a quattro anni fa: Mosca e Nuova Delhi avevano firmato un accordo intergovernativo sulla vendita di cinque unità dei sistemi di difesa aerea durante il 17° vertice India-Russia nell’ottobre 2016 nella regione costiera indiana di Goa. Durante una visita in India il 5 ottobre 2018, il presidente russo, Vladimir Putin, ha firmato un contratto con il Primo Ministro indiano, Narendra Modi, per consegnare i cinque set di reggimenti dei sistemi S-400 per un valore di 5,43 miliardi di dollari. Nel febbraio dello scorso anno, Mosca ha dichiarato che l’India avrebbe ricevuto “senza ritardi” i sistemi missilistici avanzati e, più di recente, che gli “impegni contrattuali della Russia saranno rispettati” entro il 2021.

L’India, da parte sua, ha sottolineato che può fare i propri acquisti di armi in modo indipendente, con il suo ministro degli affari esteri che ha sottolineato lo scorso novembre che Nuova Delhi “non sarà influenzata da altri paesi su ciò che facciamo in termini di sicurezza e difesa nazionale”.

Non mancano questioni internazionali più complesse: Trump ha suggerito di essere pronto a mediare tra Pakistan e India sulla questione del Kashmir. Il Primo Ministro del Pakistan, Imran Khan, ha dichiarato l’approvazione dell’idea che il leader americano svolga funzioni di mediazione. Proprio l’anno scorso, India e Pakistan si erano scambiati colpi di artiglieria, arrivando sull’orlo di una guerra, con effetti devastanti sulle rivendicazioni sul Kashmir.

La situazione nella regione si è intensificata dopo che le autorità indiane hanno introdotto nuovi emendamenti costituzionali nell’estate: veniva abolito l’articolo 370 della Costituzione indiana che conferiva uno «status speciale» al Jammu e Kashmir e consentiva al governo centrale di New Delhi di legiferare solo su difesa, esteri e comunicazioni, lasciando il resto al Parlamento locale.

Lo stato di Jammu e Kashmir veniva diviso in due territori alleati: Jammu, Kashmir e Ladakh. Questa decisione è stata preceduta da un significativo dispiegamento militare nello Stato, dall’introduzione di coprifuoco, dalla cessazione dell’accesso a Internet e dalle comunicazioni mobili in tutto lo stato, nonché dagli arresti di leader politici locali.Tuttavia, vi sono seri dubbi sul fatto che Trump sarà in grado di offrire un modello per risolvere il problema del Kashmir in un modo adatto a entrambe le parti: l’obiettivo principale degli Stati Uniti è contenere la Cina che collabora attivamente con il Pakistan nell’ambito delle Vie della Seta. Il cosiddetto CPEC (corridoio economico Cina-Pakistan) dovrebbe collegare la Cina (Xinjiang) e il Pakistan attraverso l’accesso al porto di Gwadar, tuttavia, per questo, l’infrastruttura di trasporto dallo Xinjiang al Pakistan deve passare attraverso il territorio di Gilgit- Baltistan, la parte settentrionale del Kashmir controllata dal Pakistan, che l’India considera parte del suo territorio.

In quest’ottica, gli Stati Uniti non sono tanto interessati alla pace nel Kashmir quanto piuttosto ad aggravare ulteriormente la situazione, fino al punto di sfruttare l’ostilità regionale e il terrorismo nel Gilgit-Baltistan per fermare il progetto cinese. Tutto al contrario, la Cina vorrebbe evitare tale scenario.  

Anche l’Afghanistan è un dossier sul tavolo. È in questi giorni iniziata una tregua alle violenze che, secondo molti, potrebbe preannunciare una vera e propria pace. Lo stesso Presidente americano si è detto pronto a firmare un accordo di pace con i Talebani. Ma non è detto che Modi sia concorde. Già nel 2017, Trump aveva affermato che gli Stati Uniti si aspettano che l’India “ci aiuti di più con l’Afghanistan”; nel 2020, ha criticato la leadership indiana per gli sforzi insufficienti per ripristinare il paese. Le dichiarazioni di Trump sono state condannate sia dal partito al potere BJP che dall’opposizione. L’India sta attivamente investendo in progetti economici in Afghanistan (negli ultimi anni ha speso 3 miliardi di dollari per questi obiettivi, anche costruendo un nuovo edificio per il parlamento). In altre parole, Nuova Delhi sta cercando di contenere una crescente influenza cinese nel suo paese vicino. Durante una visita in India a gennaio, il consigliere per la sicurezza nazionale dell’Afghanistan, Hamdullah Mohib, avrebbe discusso di “dispiegare truppe indiane in Afghanistan in un ruolo di mantenimento della pace”. 

I termini dell’accordo con i talebani, che ora vengono discussi dai rappresentanti dei talebani e degli Stati Uniti, suggeriscono, se non un completo ritiro, almeno una riduzione delle truppe americane. Gli Stati Uniti in linea di principio cercano di spostare la responsabilità verso i loro alleati, tuttavia, la capacità e il desiderio dell’India di diventare un tale alleato e assumere un ruolo più attivo in Afghanistan è ancora in discussione. In ogni caso, il fatto che storicamente l’India fosse contraria ai negoziati con i talebani potrebbe peggiorare significativamente la sua posizione: se Washington si disinteressa dell’area, il governo di Imran Khan potrebbe far tornare il Pakistan un “alleato affidabile” degli americani. Inoltre, l’accordo di pace per l’Afghanistan di fatto “libererà” migliaia di guerrieri talebani ben addestrati e armati. Islamabad avrebbe gioco facile a passare dal ruolo di “padrino” a quello di nuovo datore di lavoro, spostando i combattenti proprio nella zona del Kashmir. New Delhi lo sa e si prepara per tempo.

Anche la cooperazione tra India e Iran è in dubbio a causa delle azioni aggressive degli Stati Uniti. L’India è interessata all’acquisto di petrolio iraniano, mentre l’Iran dipende dall’India per prodotti come tè e riso. Da un lato, l’India ha trovato il modo di eludere le sanzioni statunitensi: per alcune transazioni, esiste un commercio diretto e uniforme tra la rupia e il rial. D’altro canto, le sanzioni hanno indubbiamente danneggiato l’economia indiana.

Allo stesso tempo, gli Stati Uniti fanno eccezioni per l’India in termini di sanzioni. Le sanzioni statunitensi, ad esempio, non si estendono al porto iraniano di Chabahar, che l’India considera un contrappeso al vicino Gwadar pakistano, dove l’influenza della Cina sta crescendo.

L’India riceve il 65% del suo petrolio dai paesi del Golfo Persico, e qualsiasi aumento delle tensioni nell’area porta a un aumento dei prezzi del petrolio che influisce negativamente sull’economia indiana, già sui carboni ardenti. Dopo l’assassinio di Qassem Soleimani, l’ambasciatore iraniano in India Ali Chegeni ha dichiarato che l’Iran “accoglie con favore tutte le iniziative di tutti i paesi, in particolare l’India come un buon amico per noi, per non consentire l’escalation”.

Teoricamente, un cambiamento di potere in Oman, che in precedenza aveva svolto il ruolo di negoziatore, offre all’India buone possibilità di accreditarsi come mediatore. Tuttavia, soprattutto dopo le recenti elezioni parlamentari nella Repubblica Islamica dove hanno trionfato i conservatori, i margini per un negoziato paiono ridotti ai minimi termini.

Si può ribadire che l’energia continua a svolgere un ruolo importante nel commercio bilaterale indo-americano. Gli Stati Uniti sono alla ricerca di un predominio energetico sulla base dell’innovazione, anche se è diventato un esportatore netto di petrolio greggio e prodotti petroliferi a settembre 2019 e si prevede che lo sarà per tutto il 2020. L’India dovrebbe trovare il modo di trarre il massimo beneficio dalla supremazia energetica degli Stati Uniti, che va oltre le esportazioni di petrolio e gas naturale, fino ad arrivare all’energia pulita.

A questo proposito, gli Stati Uniti dovrebbero intervenire sul gas per identificare modi e mezzi per aiutare l’India a perseguire la sua visione economica basata sul gas, in cui quest’ultimo ha fissato un obiettivo ambizioso di aumentare la quota di gas naturale dall’attuale 6,2% al 15% di 2030. Entrambi i paesi potrebbero rivisitare le aree di cooperazione nella catena del valore del gas naturale, ottimizzando l’attuale Task Force del gas USA-India. 

In precedenza, dopo le sanzioni contro l’Iran, gli Stati Uniti hanno esportato petrolio in India che ha sostituito la maggior parte delle importazioni di petrolio iraniano. Ciò ha comportato un aumento delle importazioni di petrolio del 72% nei primi cinque mesi dell’attuale bilancio a 4,5 milioni di tonnellate (MT) da 2,6 tonnellate nel periodo corrispondente, nell’ultimo anno. Gas Authority of India Limited ha accordi ventennali per l’acquisto di 5,8 milioni di tonnellate all’anno (MTPA) di GNL statunitense, suddivise tra l’impianto di Point Point Cove di Dominion Energy e il sito Sabine Pass di Cheniere Energy per 2,3 MTPA e 3,5 MTPA rispettivamente. L’India ha ricevuto la sua prima spedizione di GNL dagli Stati Uniti a marzo 2018.

Questi sviluppi hanno contribuito a ridurre i disavanzi commerciali degli Stati Uniti con l’India, aumentando nel contempo il commercio di energia con la varietà dell’India. Durante la visita del presidente Trump in India, potrebbero essere firmati tre accordi chiave per quanto riguarda le importazioni di petrolio, GNL e energia nucleare. L’India e gli Stati Uniti potrebbero siglare un grosso accordo di fornitura di petrolio greggio, che potrebbe offrire importazioni di petrolio in India con uno sconto fino a 4 dollari barile rispetto ai benchmark globali, con forti sconti e agevolazioni.

Inoltre, per migliorare le importazioni di GNL dell’India dagli Stati Uniti, potrebbe essere siglato un protocollo d’intesa tra la società americana di gas naturale Tellurian Inc. e Petronet LNG Limited (PLL) dell’India per importare 5 tonnellate di GNL lo scorso anno. La visita di Trump vedrà la firma di un accordo da 2,5 miliardi di dollari da parte di queste società per raccogliere la quota del 18% nel terminal GNL Driftwood con sede in Louisiana. Si prevede che il prezzo di consegna del gas sarà compreso tra 6-8 dollari per mmBtu rispetto alle operazioni concluse in precedenza che raggiungono 9-10 dollari per mmBtu, riducendo in tal modo in modo significativo il costo delle importazioni di GNL.

Infine, un altro contratto riguarderebbe Westinghouse e la Nuclear Power Corporation dell’India per la fornitura di sei reattori nucleari. Mentre l’accordo definirà le tempistiche e nominerà il principale costruttore locale per la costruzione dei reattori nella centrale nucleare di Kovvada nell’Andhra Pradesh, affronterà anche le preoccupazioni della legge sulla responsabilità nucleare dell’India.

Il rapporto con Modi risponde anche ad un altro obiettivo di Trump, più interno: farsi strada in una comunità che ha storicamente votato a favore di un candidato democratico. “La decisione di tenere la manifestazione in Gujarat, lo stato di origine del Primo Ministro Modi, potrebbe sembrare rappresentare una buona politica elettorale in appello agli indiani d’America”, ha dichiarato il senatore dello stato della Carolina del Nord Jay Chaudhuri, un leader indiano americano e democratico di stato che si è pronunciato contro Trump. “Tuttavia, un raduno in Texas lo scorso anno e un raduno in Gujarat questo mese non possono mascherare un presidente e le sue politiche che contrastano con l’interesse delle nostre comunità come l’educazione, l’immigrazione e la sicurezza delle armi”. Secondo il Fondo di difesa e istruzione legale americano asiatico, il 91% degli indiani-americani ha votato per Barack Obama nel 2008 e l’84% nel 2012. Un rapporto dell’organizzazione ha anche sottolineato che nel 2016 l’84% degli indiani-americani votava per Hillary Clinton e solo il 14% per Donald Trump. Di fatto, tra quelli che hanno votato per Clinton, l’84% erano indù. 

Ma gli indiani-americani rappresentano meno dell’1% della popolazione degli Stati Uniti e il 5,9% della popolazione immigrata totale. Già ad appena 24 giorni prima delle elezioni presidenziali del 2016, Trump ha trascorso una serata in un concerto di beneficenza nel New Jersey, sede di una vasta popolazione di immigrati indiani e americani indiani, e ha rivolto a quasi 10.000 indù ai quali sono stati consegnati cartelli con la scritta “Trump for Indù americani “.

 Shalabha Shalli Kumar, magnate degli affari con sede negli Stati Uniti e fondatore della coalizione indù repubblicana, ha donato un milione di dollari alla campagna di Trump. Successivamente, nel 2018, l’organizzazione si è offerta volontaria per raccogliere 25 miliardi di dollari per finanziare il muro USA-Messico di Trump. Ma sono successe molte cose tra il 2016 e il 2018. Immediatamente dopo essere entrato in carica, il presidente ha nominato diversi indiani-americani ai primi posti. C’era Nikki Haley, che è stata nominata ambasciatrice presso le Nazioni Unite (si è dimessa nel 2018); Seema Verma, che divenne amministratore dei Centri per i servizi Medicare e Medicaid; Ajit Pai, nominato presidente della Federal Communications Commission. Questa l’ascesa degli “indù americani” in America. Il movimento, a volte soprannominato “Yankee Hindutva”, descrive come gli indiani esprimano l’induismo all’interno della tradizione americana del multiculturalismo che valuta l’identità culturale come chiave per l’appartenenza sociale. 

Il senatore dello stato della Carolina del Nord Jay Chaudhuri ha sostenuto che Trump si sbagliava se pensava che l’apparizione avrebbe avvicinato la comunità al presidente. Il rappresentante Ro Khanna, un critico feroce di Trump, ha ribadito che non avrebbe portato a cambiamenti nella politica degli indiani-americani.

L’approvazione del lavoro di Trump tra gli indiani d’America è stata solo del 28% nel 2018, secondo l’Asian American Voter Survey, un sondaggio di elettori americani asiatici registrati. Circa il 66 percento degli intervistati non ha approvato. Alcuni indiani americani, le cui famiglie sono venute legalmente negli Stati Uniti per studiare o lavorare, sostengono Trump a causa della sua agenda economica – in particolare i tagli delle tasse del 2017 – e non si preoccupano della retorica di Trump sull’immigrazione perché riguarda principalmente l’immigrazione clandestina. I membri più giovani della comunità hanno piuttosto protestato contro il governo Modi per la legge sulla cittadinanza (emendamento) e ribadiscono opinioni simili. “Ci mette in una situazione imbarazzante in cui dobbiamo denunciare le colpe di Modi se denunciamo le colpe di Trump”, afferma Sudhanshu Kaushik, che guida la North American Association of Indian Students.

In conclusione, è interessante notare, ad accompagnare il padre nel viaggio in India, la presenza di Ivanka Trump, insieme al marito Jared Kusner. Il Paese asiatico, per coincidenza, risulta essere anche il più grande mercato estero della Trump Organization, sede della maggior parte delle iniziative Trump al di fuori del Nord America. Tra le cinque proprietà di Trump nel paese ci sono quattro grattacieli di lusso (Trump Tower Mumbai, Trump Towers Pune, Trump Towers Delhi NCR, Trump Tower Kolkata) e una torre per uffici in costruzione, tutti firmati con accordi di licenza.

E così riappare il fantasma del conflitto di interessi: Trump che usa la presidenza per un eventuale profitto. Sia Trump che Ivanka affermano di non essere attualmente coinvolti negli affari immobiliari della famiglia, ma entrambi potrebbero trarre profitto dalle iniziative in India in futuro. Stando alle ultime indiscrezioni, peraltro, due dei partner commerciali di Trump in India hanno sviluppato problemi propri: uno è accusato di gravi frodi, mentre l’altro sta affrontando una crisi finanziaria. Entrambi hanno stretti legami con il partito indiano Bharatiya Janata, al potere, che è guidato da proprio dal Primo Ministro Modi.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

emanuele.cuda@lindro.it

End Comment -->