mercoledì, dicembre 19

India: lo smog si combatte anche a ‘ cannonate ‘ Il "cannone anti-smog" emette un getto di acqua atomizzata che può raggiungere anche un'altezza di 50 metri nel cielo

0

Da anni, il problema dell’ inquinamento e dello smog è divenuto, per l’ India, un’ emergenza. Con l’ obiettivo di ridurre il disagio,  le autorità amministrative di Nuova Delhi, la capitale più inquinata del mondo, dove i livelli di inquinamento hanno raggiunto 30 volte il limite raccomandato dall’OMS, hanno dato il via ad una serie di esperimenti, la cui efficacia è tutt’altro che certa.

Tra questi, il cosiddetto “cannone anti-smog” che emette un getto di acqua atomizzata che può raggiungere anche un’altezza di 50 metri nel cielo, in grado di catturare gli agenti inquinanti, come il PM10 e il PM25, e portarli al suolo sotto forma di pioggia. 

Al momento, l’ esito dei primi esperimenti con questo “cannone” è stato deludente: un dei primi test è avvenuto nei pressi di una centralina di rilevamento dell’aria, sotto gli occhi del Ministro dell’ Ambiente indiano Imran Hussain, e il nuovo ‘strumento’ non sembra aver portato benefici.

«Il raggio d’azione di questi apparecchi è molto limitato. Influenza il volume dell’aria nelle immediate vicinanze del luogo nel quale l’acqua viene spruzzata. Quando si spegne l’effetto diminuisce» ha spiegato Vivek Chattopadhyay, il responsabile del progetto, secondo cui sarebbero necessari altri provvedimenti per rendere efficace il “cannone”.

(Video tratto dal canale Youtube IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore