martedì, Ottobre 26

India, fallimento nella cura dei bambini

0
1 2


L’India è famosa sia per il tema del lavoro minorile che per la cura della salute dei bambini. Si tratta di due elementi fondamentali per misurare la crescita di ogni Paese, perché come può essere un Paese potente se i suoi bambini non sono sani?

Nel Paese in cui il numero dei bambini rappresenta il 13% della popolazione (censimento 2011) e dove ci sono 26 milioni di bambini che nascono ogni anno, si stima che ci siano 12.700 bambini che muoiono ogni anno prima di aver raggiunto i 5 anni di età. Questi dati indicano che l’India è un Paese giovane che ha anche una potenziale forza lavoro per il futuro, ma l’altissimo tasso di mortalità infantile fa sì che questa diventi una grande preoccupazione per la sicurezza nazionale dell’India.

L’ultima rapporto dell’Unicef del 2015 ​​rivela che l’India non è riuscita a raggiungere l’obiettivo dei MDG4 (Millenium Development Goals): i tassi di mortalità infantile e materna sono i più alti del mondo con 1,2 milioni di morti tra i bambini, e questo rappresenta il 20% dei 5,9 milioni di decessi a livello mondiale nel 2015. Inoltre, secondo il MDG4, l’Unicef ​​ha fissato due obiettivi primari per l’India: di scendere sotto il tasso del 5% di mortalità, e che il tasso di mortalità infantile, pari a 40 su 1000 nati vivi, passi a 29 su 1000 entro il 2015.

In realtà, il primo è sceso a 49/1000. Tuttavia, ci sono 11 Stati su 29 che hanno raggiunto l’obiettivo di andare sotto il 42/1000, mentre ci sono 15 dei 29 Stati che solo più tardi hanno ottenuto questo obiettivo scendendo a 29/1000.

“Ma non è detto che l’assistenza sanitaria verso i bambini in India non migliori affatto: lo ha fatto negli ultimi dieci anni, ma lentamente”, ha detto il dottor C.Usha Rao, Presidente del dipartimento Lavoro sociale dell’Università di Mysore. Tuttavia, questo risultato non è un cambiamento così importante, tale da poter tirare fuori l’India dalla lista delle sanità infantili più pericolose nel mondo, che ogni anno a causa dei tassi di mortalità di madri e bambini. Le statistiche mostrano che nel 2015 il tasso di mortalità materna (MMR) in India è di 178 casi su 1000, quello dei bambini di 40/1000. Inoltre, la notizia più triste è che questo è il Paese che ha anche il tasso di bambini malnutriti sotto i 5 anni più alto al mondo (47%). Sono numeri preoccupanti e che lasciano perplessi, ma che ci fanno chiedere anche perché questa grande democrazia non riesce a raggiungere certi obiettivi, né perché non si preoccupa per le sue generazioni future. Per il Governo indiano è una preoccupazione reale, cruciale? O questo obiettivo è troppo alto da raggiungere per l’India?

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->