lunedì, Ottobre 25

India, container come ‘arte mobile’

0

Con l’aiuto di artisti locali e internazionali, i residenti di Oklha (un quartiere di Nuova Dehli) hanno creato una sorta di ‘paradiso dell’arte’. I contenitori per le spedizioni (container) raramente afferrano l’attenzione delle persone e, se lo fanno, è giusto per muovere delle critiche. Ma in India, le scatole di metallo si stanno trasformando in street art accattivante.

Giocando sull’idea che l’arte porta le persone in luoghi dove non sono mai state prima, un terminal per container è stato trasformato in una galleria. Centinaia di scatole di metallo sono state dipinte con graffiti colorati per attirare i curiosi. I contenitori percorrono tutta l’India, non solo per il trasporto di merci, ma anche per le idee degli artisti.

L’impatto più importante di questa nuova arte è proprio sulla città, dove la street art sta diventando parte integrante della vita degli abitanti. Infatti, i residenti di Oklha supportano e incoraggiano il concetto base della Street art: ‘l’accessibilità dell’arte’ a tutte le classi sociali e l’incoraggiamento a diventare parte integrante dell’arte stessa.

Della stessa opinione sono anche gli organizzatori dell’esposizione, i quali sostengo l’arte come ridefinizione degli spazi pubblici e il rendere l’arte alla portata di tutti.

(video tratto dal canale YouTube Al Jazeera English)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->