mercoledì, Maggio 25

In Ungheria l’inizio della fine dei populisti? Domenica 3 aprile l'Ungheria rinnova l'Assemblea nazionale. Orban pare avere qualche difficoltà, e tutto per colpa di Putin. Orban si trova a dover affrontare per primo quello che gli altri partiti populisti europei si potranno trovare a dover affrontare quando anche da loro arriverà il voto

0

Domenica 3 aprile, in Ungheria si terranno le elezioni parlamentari, nel corso delle quali saranno eletti 199 parlamentari all’Assemblea nazionale per un mandato di quattro anni.
In questa tornata elettorale,
il Primo Ministro uscente Viktor Orban punta a portarsi a casa il quarto mandato consecutivo. Il suo partito conservatore nazionalista, Fidesz, ha goduto di ampia maggioranza per gran parte degli ultimi 12 anni. Gli ultimi sondaggi ora indicano che l’opposizione lo sta tallonando da abbastanza vicino, per tanto l’ambizione di Orban non avrebbe la strada spianata.
All’opposizione c’è United for Hungary, un cartello che aggrega partiti di opposizione di estrema destra, sinistra, verdi e liberali. Un bizzarra alleanza progettata, con il solo scopo di sfilare il Paese dalle mani di Orban, accusato di guidare un governo sempre più corrotto, oltre che sempre più autoritario, un Paese a ‘democrazia illiberale’, come oramai viene comunemente definita l’Ungheria. Candidato Primo Ministro di questa alleanza è Peter Marki-Zay, un conservatore indipendente.

Contestualmente alle elezioni parlamentari si terrà un referendum, voluto da Orban, sulla legge che limita l’insegnamento nelle scuole sull’omosessualità e sulle questioni transgender. E sul referendum Fidesz ha puntato molta parte della sua campagna elettorale, tutta incentrata su lotta all’immigrazione, all’opposizione che viene collegata al filantropo americano George Soros e altri membri di quella che secondo Orban è un’élite liberale globalista determinata a distruggere la sovranità dell’Ungheria, inondare il Paese di migranti, introdurre lafollia di genere‘ (riferendosi a omosessualità e transgender) e cancellare le politiche economiche populiste di Fidesz. Il referendum è una risposta alla Commissione Europea, che ha avviato un’azione legale contro Budapest per la legge -approvata lo scorso anno- che vieta l’uso di materiali ritenuti promuovere l’omosessualità e il cambiamento di genere nelle scuole, adducendo che si tratta di una misura volta a prevenire gli abusi sui minori, e che Bruxelles ha affermato essere discriminatoria e adottata in violazione dei valori europei di tolleranza e libertà individuale.

Secondo ‘Reuters‘, i sondaggi d’opinione «danno al partito di Orban un vantaggio ristretto», così «il voto del 3 aprile potrebbe andare in entrambi i modi». L’ultimo rilevamento condotto da Zavecz, con circa un quinto degli 8 milioni di elettori ungheresi (circa 600mila persone) che si dichiaravano ancora indecisi, «Fidesz è avanti di tre punti percentuali con il 39% di consensi. Tibor Zavecz, direttore del think tank, ha detto che Fidesz sembra avere maggiori possibilità di vincere, ma molto dipenderà da una mobilitazione degli elettori dell’ultimo minuto».
Il sondaggio, condotto tra il 22 e il 28 marzo, da IDEA, ha accreditato a Fidesz al 41%dell’elettorato, rispetto al 40% di inizio marzo, mentre l’alleanza di opposizione si è attestata al 39%, guadagnando due punti dal precedente sondaggio, mentre gli indecisi erano scesi all’8%.

Uno dei motivi che rendono problematica questa tornata elettorale per Orban è l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, che, come afferma ‘Reuters‘ «ha sconvolto la sceneggiatura di Orban, dando una nuova luce ai suoi stretti rapporti con Mosca. Ha risposto attingendo al desiderio di sicurezza degli ungheresi, proponendosi sui cartelloni pubblicitari della campagna come loro protettore e accusando i politici dell’opposizione di cercare di trascinare l’Ungheria in guerra -accusa respinta dai diretti interessati».
Orban ha dovuto prendere le distanze da Putin e probabilmente questo gli costerà qualche punto percentuale al conteggio finale dei voti. Orban ha condannato l’invasione russa e ha affermato che Budapest non porrà il veto alle sanzioni dell’UE concordate contro la Russia, ma che queste non devono influire sulle forniture energetiche dell’Ungheria. Altresì, l’Ungheria non invierà armi in Ucraina e, afferma Orban, resterà fuori dalla guerra.

Secondo alcuni osservatori, Orban si trova a dover affrontare per primo quello che gli altri populisti europei si potranno trovare a dover affrontare quando saranno raggiunti dalla prossima tornata elettorale nei loro rispettivi Paesi. Orban, in questi anni, è diventato icona dell’estrema destra globale, il suo Paese è diventato un attore chiave nell’attacco populista all’ordine democratico occidentale. «Una sconfitta per l’uomo forte ungherese, sulla scia della scomparsa dell’ex Presidente Donald Trump negli Stati Uniti e di altre recenti battute d’arresto per gli illiberali,rafforzerebbe i suggerimenti secondo cui l’unità tradizionale può combattere il populismo», afferma ‘Al Jazeera‘.

Philip Dandolov, su ‘Geopolitical Monitor‘, analizzacome Vladimir Putin potrebbe far scattare l’inizio della fine per il populismo europeo.
L’invasione russa dell’Ucraina, mentre ha colto di sorpresa numerosi esperti, aprendo un nuovo capitolo pericoloso con implicazioni potenzialmente profonde per la sicurezza europea, non meno importante il terremoto che ha causato tra i populisti. In una svolta alquanto sorprendente, «tra i partiti nazionalisti-populisti dell’Europa occidentale di destra e di estrema destra dello spettro politico, l’assalto militare a tutto campo avviato dal regime di Vladimir Putin potrebbe portare a uno stato simile a unafine di storia ‘,diminuendo in modo significativo l’attrattiva della Russia come contrappeso ideologico e culturale al presunto Occidente eccessivamente liberale, globalista e antinazionalista». Con Vladimir Putin e la sua amministrazione già dalla parte dei perdenti nella guerra dell’informazione sul conflitto ucraino, questi partiti «sembra probabile che dovranno fare i conti con una sconfitta anche tra la maggioranza dei nazionalisti dell’Europa occidentale che in precedenza erano inclini a considerare Putin come un alleato naturale».

Sebbene non sia affatto universale, afferma Dandolov, «il fascino generale della Russia di Putin tra i partiti populisti di destra sia nell’Europa occidentale che negli Stati Uniti, èconsolidato, almeno dal 2012, quando la Russia ha indossato il mantello di un ‘potere conservatore internazionale‘». «Le ragioni della simpatia dei nazionalisti-populisti per il regime russo, come evidenziato ad esempio da una serie di dichiarazioni pubbliche elogiative fatta da politici appartenenti alla destra populista in Europa occidentale, potrebbe essere in gran parte attribuita alla percezione che la Russia sia sulla loro stessa distanza quando si tratta di difendere i valori tradizionali, opporsi alle narrazioni antinazionaliste e alle tendenze politicamente corrette associate all’Unione Europea (UE), adottando una posizione intransigente contro l’estremismo islamico e rifiutando le politiche di ‘frontiera aperta’ favorevoli all’immigrazione di massa dall’esterno del continente europeo».
La campagna militare russa in Ucraina «sta cambiando radicalmente il corso del vento dal punto di vista dei politici populisti nazionalisti occidentali».

In primo luogo, «l’affermazione precedentemente avanzata da alcuni esponenti di destra, come l’ex leader dell’UKIP (UK Independence Party) Nigel Farage, secondo cui la Russia come Paese è semplicemente interessata a proteggersi dalla globalizzazione guidata dall’Occidente e non ha ambizioni di minacciare l’Europa occidentale,non appare più credibile date le potenzialità di un’escalation del conflitto ucraino che potrebbe comportare uno spillover anche negli Stati membri della NATO. Inoltre, la copertura mediatica degli scontri militari e delle atrocità contro civili che si stanno verificando molto vicino ai confini dell’UE rende molto più difficile respingere semplicemente l’intervento russo (a differenza del caso delle loro azioni a sostegno del Presidente Bashar al-Assad durante la guerra civile siriana) come ‘esercitazione militare’ in un teatro di operazioni extraeuropeo, che può essere giustificata sulla base della necessità di salvaguardare interessi nazionali di primaria importanza. In un certo senso, anche la mancanza di una parvenza di pretesto morale convincente per la guerra posiziona saldamente lo Stato russo dentro o addirittura oltre il territorio neocolonialista, che non si sposa bene con la precedente ammirazione dei partiti nazionalisti-populisti per il rispetto della Russia per il principio della sovranità nazionale , in contrasto con gli Stati Uniti interventisti.

A livello emotivo, la decisione di Putin di scatenare i combattenti islamici ceceni contro i cristiani ucraini, che è stata considerata un elemento di guerra psicologica a causa della reputazione dei lealisti di Ramzan Kadyrov come partecipanti esperti in spietate guerre di logoramento e guerre urbane, è piuttosto difficile da conciliare con la valutazione dei populisti europei della Russia come difensore della cristianità. Nella mente della destra occidentale che è incline a considerare i valori musulmani conservatori in conflitto con i costumi culturali europei, l’uso da parte di Putin dell’esercito privato di Kadyrov e il corteggiamento dei combattenti provenienti da regioni come il Medio Oriente, consolida probabilmente la percezione che la Russia non sia contraria a perseguire la realpolitik in stile occidentale, anche se a spese di concittadini europei appartenenti a una Nazione fraterna, e non sia vincolata da una sorta di idealista orientale unico moralità»

«La preminenza della retorica della ‘denazificazionenella spiegazione di Putin per la sua decisione di lanciare l’invasione dell’Ucraina, solleverà inevitabilmente le sopracciglia anche tra alcuni esponenti di destra occidentali, poiché dal loro punto di vista potrebbe essere considerata come un’eco di tropi liberali che confondono espressioni di etnia o il nazionalismo culturale con simpatia per il neonazismo. Il rifiuto del Presidente russo della validità del nazionalismo etnico ucrainoe i suoi resoconti revisionisti sulla storia dell’Ucraina possono, dal punto di vista dei populisti dell’Europa occidentale, evocare parallelismi con la percepita minaccia rappresentata dall’UE alla sopravvivenza delle culture e delle identità nazionali».

Molti partiti nazionalisti-populisti dell’Europa occidentale, «come il Rassemblement National in Francia (già Front National), hanno fatto passi da gigante nel corso degli ultimi vent’anni nel liberarsi della loro immagine negativa di essere movimenti di estrema destra, e probabilmente sono già vicini a massimizzare il proprio potenziale elettorale. Pertanto, continuare a esprimere simpatia per il regime di Putin ed esaltare le virtù del sistema politico russo sembra essere controproducente per loro per quanto riguarda il mantenimento della propria base elettorale. Tali dichiarazioni potrebbero potenzialmente riportarli indietro di anni e compensare i guadagni di rispettabilità che hanno ottenuto a causa della disapprovazione quasi universale tra i cittadini dei loro Paesi per le azioni della Russia in Ucraina.

Con figure politiche nazionaliste-populiste di spicco come Matteo Salvini della Lega Nord italiana che hanno recentemente attirato pubblicità negativaanche in Paesi come la Polonia, che si sono allontanati dal liberalismo stile UE in ambito culturale e hanno dovuto tornare indietro sulleprecedenti dichiarazioni di sostegno a Putin, così come è improbabile che la Russia, almeno per il prossimo futuro, sia in grado di offrire molto sostegno finanziario a tali parti a causa della precaria situazione economica nella quale si sta ritrovando, a seguito delle sanzioni imposte dall’Occidente». Tutto questo crea «le condizioni per lo smantellamento dell’alleanza in parte ideologica e in parte strumentale tra molti partiti nazionalisti-populisti occidentali e il regime di Putin. In modo simile al modo in cui la guerra sta rendendo gli ucraini ancora più ucraini , questa guerra potrebbe anche far sì che i populisti dell’Europa occidentale diventino più chiusi in se stessi e riscoprano il loro senso di appartenenza all’Occidente».

Prossima settimana, a urne chiuse in Ungheria, si avrà qualche elemento in più per definire a che punto è l’inizio della fine del populismo di destra europeo.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->