martedì, Aprile 13

In Sudafrica arriverà la tassa sullo zucchero

0

I sudafricani golosi di dolci saranno ‘puniti’ con una tassa sullo zucchero. Infatti, il Ministro delle Finanze del Sudafrica, Pravin Gordhan ha annunciato, durante il suo discorso di mercoledì, che una tassa sulle bevande zuccherate sarà introdotta entro il mese di aprile del 2017. Questa decisione deriva dalla preoccupazione di contenere la diffusione di obesità che sta colpendo la popolazione del Paese.

Il consumo di grandi quantità di zucchero mette le persone ad alto rischio di malattie come il diabete, l’ictus e l’obesità. Una ricerca della University of Witwatersrand (università con sede a Johannesburg) ha scoperto che imponendo il 20% di IVA sulle SSBs (Sweetened Sugar Beverages) si potrebbe ridurre l’obesità in 220mila adulti. Nelle SSBs, che sono anche la principale causa di obesità nell’Africa Sub-sahariana, rientrano: le bibite gassate e le bevande analcoliche, i succhi di frutta, le bevande sportive, le bevande energetiche e le acque vitaminiche, il tè freddo zuccherato, la limonata e gli sciroppi.

La tassa era stata chiesta da un numero crescente di associazioni di consumatori e dagli esperti sanitari per contribuire a contenere il fenomeno dell’obesità in Sudafrica.

 

(video tratto dal canale YouTube di AFP News Agency)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->