domenica, ottobre 21

In Sri Lanka gli elefanti sono in pericolo Elefanti tra la spazzatura di una discarica in Sri Lanka; l'allarme degli esperti

0

Un gruppo di elefanti selvaggi ammucchiati tra una montagna di spazzatura in una discarica nello Sri Lanka centrale. Tra la preoccupazione crescente degli animalisti, e non solo, inghiottono pericolosi pezzi di plastica mescolati con cibo marcio. Gli esperti avvertono la comunità per quello che ormai è un problema in crescita per gli animali venerati dalla stessa popolazione.

Tanti gli elefanti – tra cui anche giovani esemplari- in corsa verso una discarica fuori da una zona residenziale a Deegawapiya. Afferrano qualsiasi rifiuto e scappano via. Facile immaginare l’impatto sulla salute di questi animali, dopo aver ingerito plastica e contenitori di ogni tipo.

Wasantha Chandrapala, un reporter di Ampara, nell’est dello Sri Lanka, ha girato il video, dicendo «Questa è una routine quotidiana in quest’area». «Gli abitanti di Akkaraipattu, Sammanthurai scaricano la spazzatura nella cima della collina di notte e gli elefanti della vicina giungla Kalmunai Dhigavapi vengono ogni mattina a raccogliere cibo».

«È davvero straziante vedere gli animali mangiare rifiuti chimici plastici e tossici. Ciò causa gravi problemi di salute negli animali che si ammalano. Alcuni sono persino morti». Finora, infatti, sei elefanti sono morti a causa dell’ingestione di tossine ad Ampara. E mentre gli elefanti non hanno mai attaccato nessun villaggio, le loro visite regolari attraverso i campi stanno danneggiando i raccolti. Problemi, quindi, anche per i villaggi della zona.

Il problema è diventato motivo di preoccupazione per gli abitanti, che hanno chiesto ai funzionari della fauna selvatica perché non sono state prese le misure adeguate e perché la recinzione intorno alla discarica non è stata ancora messa in opera. Il veterinario Nihal Pushpakumara del Dipartimento di conservazione della fauna selvatica ha evidenziato che gli elefanti morti hanno lo stomaco pieno di politene. «Questo accade a causa della mancanza di una corretta manutenzione da parte del comune. Ora a causa di sdegno pubblico sono stati fatti dei passi per costruire e mettere una recinzione permanente per elefanti».

«Il centro di raccolta di rifiuti situato nell’area di Deegawapiya a Ampara non è recintato e, a causa della scarsa manutenzione, gli elefanti che arrivano ogni giorno e mangiano il cibo marcio, mescolato con polietilene e altre discariche chimiche. Gli elefanti non mangiano solo questi alimenti, ma danneggiano anche gli abitanti del villaggio e le terre coltivate. Le persone dell’area dicono che all’alba  non riescono a uscire di casa perché hanno paura degli elefanti».

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore