domenica, Settembre 26

In Messico il più grande sistema di grotte sottomarine al mondo La scoperta è stata fatta dai sommozzatori del progetto Gran Acuifero Maya (GAM): unito il sistema di Sac Actun a quello del Dos Ojos

0

Tulum è da anni una tappa irrinunciabile per chi visita lo Yucatan. Sotto quelle splendide spiagge c’è un sistema di grotte sottomarine complessissimo, talmente esteso che si ritiene possa essere il più grande del mondo. La scoperta è stata fatta dai sommozzatori del progetto Gran Acuifero Maya (GAM) che dopo dieci mesi di esplorazioni e immersioni hanno compreso la possibilità di collegare due sistemi di grotte fra loro.

Hanno unito il sistema di Sac Actun, 263 chilometri, al Dos Ojos, sistema di 83 km, dando vita così a un labirinto unico di grotte sottomarine di più di 346 km, il più grande del mondo. Secondo il direttore del progetto GAM, Guillermo de Anda, «questa sorprendente scoperta» potrebbe aiutare a comprendere lo sviluppo della cultura della regione dominata dai Maya prima dalla conquista spagnola. Si tratta del «sito archeologico più importante del mondo, in quanto ha più di un centinaio di contesti archeologici che testimoniano tracce del passato dei primi coloni d’America, la fauna estinta e, naturalmente, la cultura Maya».

La fase successiva degli studi riguarderà le analisi della qualità dell’acqua, lo studio della biodiversità fra i cunicoli ora collegati, la mappatura dettagliata dei siti archeologici sommersi e, in futuro, il collegamento fra Sac Actun con gli altri tre sistemi di grotte sottomarine situati nell’area di Tulum.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->