martedì, Ottobre 26

In Indonesia, la moschea mobile field_506ffbaa4a8d4

0

La ‘moschea-mobile‘ indonesiana ha iniziato la sua ‘crociera’ urbana a Jakarta, al fine di garantire ai musulmani la possibilità di pregare nonostante si trovino in mezzo al caos della città, lontani dai luoghi di preghiera. La moschea gira appositamente in luoghi affollati, come ad esempio vicino a festival ed eventi sportivi.

Il furgone-moschea, verde e bianco, si apre ai lati, fornendo un piccolo palco dove i fedeli possono pregare. I tappeti di preghiera sono srotolati davanti al furgone, con uno spazio che può ospitare un massimo di 100 persone, mentre soltanto in pochi possono pregare all’interno del veicolo. Il furgone fornisce inoltre abiti speciali per le donne e un serbatoio d’acqua per i fedeli, per dar loro l’opportunità di compiere il rituale di purificazione che precede la preghiera.

La moschea ha iniziato ad operare nell’ultima settimana del Ramadan, ma prevede di continuare anche adesso che il mese del digiuno si è concluso. Molto apprezzata dai fedeli, in quanto un’ottima soluzione per chi è bloccato nel traffico della città, attualmente, è gestita da una organizzazione che stabilisce e mantiene le moschee, con fondi forniti da Adira Sharia, un gruppo che fornisce finanziamento islamico-compatibile per i veicoli a motore.

(Video tratto dal canale Youtube: africanews)

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->