domenica, ottobre 21

In Friuli Venezia Giulia nuovi incentivi per nuovi imprenditori Per aprire un'impresa c'è sempre bisogno di supporto. Il primo è quello degli esperti del settore, che possono dare diversi consigli su come muoversi

0

Buone notizie per chi desidera aprire un’ attività in proprio. Nello specifico, Mail Boxes Etc, rete franchising che opera nel settore dei servizi postali, di comunicazione e di supporto alle attività sia di aziende che di privati, ha offerto delle consulenze a tutti coloro i quali vorranno aprire dei nuovi centri servizi nelle città di Gorizia e Trieste. Il tutto rientra nel quadro più ampio delle agevolazioni previste da un bando della regione Friuli Venezia Giulia, ossia “Incentivi per l’autoimprenditorialità – POR FESR 2014-2020 supporto alle nuove realtà imprenditoriali”.

Come molti bandi simili, anche questo prevede un contributo a fondo perduto fino al 60% per tutti coloro i quali desiderano avviare un’ attività imprenditoriale in questa regione. Per questo motivo, MBE ha colto l’occasione per cercare nuovi affiliati ai quali offre supporto e consulenza.

Possono fare domanda tutti coloro i quali hanno intenzione di fare impresa in Friuli Venezia Giulia, sia cogliendo l’occasione offerta da Mail Boxes Etc, che in qualsiasi altro caso e in qualsiasi campo.

L’importo massimo del contributo a fondo perduto, come già sottolineato in precedenza,  corrisponde al 60% della spesa che viene ritenuta ammissibile e in questa deve rientrare anche il canone di affiliazione, che non deve sforare il tetto dei 100 mila euro.

Per il bando, la Regione ha messo a disposizione una copertura finanziaria pari a ben 8.577.652 euro. Le spese agevolabili sono, come spesso accade, quelle direttamente connesse e funzionali all’attività dell’impresa. La domanda può essere presentata solo online e il primo periodo si chiude il 30 giugno, mentre il secondo il 30 settembre e l’ultimo il 21 dicembre 2018.

Come questa iniziativa della Regione Friuli Venezia Giulia ce ne sono molte altre in giro per l’Italia. Diverse regioni, infatti, stanno cercando di spingere l’imprenditoria nascente con incentivi e quant’altro, così da portare sempre più giovani, ma non solo, a mettersi in proprio e a fare impresa.

Per aprire un’impresa c’è sempre bisogno di supporto. Il primo è quello degli esperti del settore, che possono dare diversi consigli su come muoversi. Per questo motivo, quindi, consigliamo le idee per aprire un’attività di Affari Miei. Il portale ci ha fornito, infatti, moltissimi spunti, tutti molto utili, per chi desidera fare impresa e mettersi in proprio.

Di certo, oggi come oggi, il franchising è una delle migliori idee per farlo, perché ci sono le aziende che mettono a disposizione degli affiliati tutta la loro conoscenza e i mezzi in loro possesso. Inoltre, si ha dalla propria anche il fatto di lavorare per marchi conosciuti e questo garantisce il successo, anche se non al 100% perché sarebbe impossibile. Tuttavia, è bene sottolinearlo, il franchising non è l’unica soluzione da prendere in considerazione.

Infatti, ce ne sono molte altre, tutte valide e in diversi settori. Per capire quella che fa al caso proprio è necessario in primis chiarirsi le idee. In questo modo si andrà a trovare l’idea migliore per le proprie esigenze.

Analizzando alcuni tra gli spunti migliori per chi desidera aprire un’ attività in proprio, si deve sottolineare la possibilità di aprire un ufficio postale privato in franchising, ma anche quella di aprire un micro nido sembra essere un’ottima idea, presa sempre più in considerazione, soprattutto nell’ultimo periodo.

Come detto, gli spunti e le idee sono tante, ma quello che è importante è sempre e comunque chiedere consiglio agli esperti del settore, che sapranno indirizzare tutti verso la scelta giusta. Aprire un’attività in proprio è, come si può facilmente immaginare, una cosa molto importante ed è per questo motivo che è necessario farlo nel migliore dei modi, andando a scegliere quello che meglio si confà alle proprie inclinazioni e, soprattutto, alle proprie esigenze.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore