sabato, ottobre 20

In Cina, gli hotel per allevare maiali Ecco in Cina gli hotel a più piani per far crescere i maiali

0

Sono conosciuti come ‘hotel dei maiali‘ ed in Cina sono sempre di più. Si tratta di costruzioni fatte a diversi piani dove gli allevatori collocano i propri maiali per farli crescere adeguatamente. Il termine ‘hog hotel’ (hotel per maiali)) evoca immagini di maiali coccolati, adagiati a riposo su letti soffici ed un vassoio di cibo appena servito quando sono affamati. Ma ovviamente non si tratta di questo.

Gli agricoltori europei hanno già sperimentato l’allevamento di maiali in edifici a due o tre piani, ed ora il turno della Cina. Da non molto, un’azienda agricola in Cina ha recentemente iniziato ad allevare suini su due edifici separati di ben 7 piani ed ha in programma di avviare quattro nuovi hotel dello stesso tipo. La nuova idea dell’azienda prevede una costruzione di 13 piani, l’edificio più alto di questo genere.

Sul monte Yaji, nel sud della Cina, stanno controllando le scrofe a migliaia di capi per il progetto futuro del nuovo hotel. Si tratta della società agricola privata Guangxi Yangxiang Co Ltd, la stessa che gestisce due allevamenti di scrofe a sette piani e ne ospita altri quattro, tra cui ci sarà quello con 13 piani.

In Europa alcuni hotel simili sono ancora in funzione, altri sono stati abbandonati, ma negli anni, pochi di questi sono stati costruiti, sia a causa delle difficoltà di gestione che della resistenza pubblica a grandi aziende agricole intensive. Ora, mentre la Cina spinge avanti l’industrializzazione della mandria di maiali più grande del mondo, -parte di uno sforzo di 30 anni per modernizzare il suo settore agricolo e creare ricchezza nelle aree rurali-, le aziende creano abitazioni a molti piani per i maiali. Il tutto nonostante i costi. Un perfetto esempio di quanto gli allevatori sono disposti a spendere (e non solo) in una Cina che cerca di revisionare il suo modello agricolo.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore