lunedì, Maggio 10

In Brasile cittadini in piazza contro Lula

0

Nelle principali città brasiliane i cittadini si sono riversati nelle strade per protestare. Scontri tra manifestanti a favore e contro l’attuale esecutivo sono avvenuti soprattutto a Brasilia, davanti alla sede della presidenza della Repubblica, e per le vie di San Paolo.

Le proteste sono esplose dopo la pubblicazione da parte del giudice Sergio Moro, simbolo dell’inchiesta ‘Lava Jato’, la ‘Mani Pulite’ brasiliana, di un’intercettazione telefonica tra Luiz Inácio Lula da Silva e Dilma Rousseff, in cui la Presidente avvisa Lula che sta per inviargli il decreto di nomina ministeriale per diventare capo di gabinetto, da usare ‘in caso di necessità’. Infatti Lula è indagato per corruzione proprio all’interno dell’inchiesta ‘Lava Jato’. Il sistema di corruzione scoperchiato dalle inchieste ha aumentato così il malcontento in Brasile, che vive la peggiore crisi economica degli ultimi 80 anni.

La nomina ha scatenato una guerra giuridica e spaccato il Brasile in due, infatti, pochi minuti dopo la cerimonia di insediamento, avvenuta ieri mattina, il giudice Moro ha annullato il decreto e il fatto ha generato subito un clima di forti tensioni sia nel governo che tra i cittadini. Ora il governo ha fatto ricorso e non gli resta che attendere la decisione finale della Corte suprema.

 

(video tratto dal canale YouTube di Al Jazeera)

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->