domenica, Maggio 9

In arrivo le Sea Bubbles, i primi taxi ‘volanti’ sull’ acqua Alimentate da energia solare, potrebbero essere impiegate sulla Senna o sul Tamigi.

0

Ideata da una startup francese, SeaBubbles  costituisce un primo esemplare di ´’auto’ che fluttua sull´acqua utilizzando l’ energia solare senza originare moto ondoso . Lunga poco più di 4 metri e larga 2 è capace di ospitare fino ad un massimo di 8 persone, viaggiando sui fiumi delle città. Questi ‘taxi volanti’ potrebbero essere impiegati sulla Senna o sul Tamigi. Un prototipo è stato testato il 16 giugno scorso sul fiume parigino con a bordo il sindaco di Parigi Anne Hidalgo, che ha appoggiato il progetto sin dal suo inizio. «È silenzioso, comodo e divertente» aveva detto la Hildalgo.

La propulsione elettrica di SeaBubbles prende il principio dell’aliscafo sviluppato dal signor Thébault, con “lamine”, una sorta di architravi in vetroresina, immersi che, grazie alla velocità, mantengono la barca fuori dall’acqua circa 50 cm sopra le onde.  La velocità massima sfiora i 14 nodi. La startup francese creata da Alain Thébault e Anders Bringdal ha speso 7 dei 13 milioni di euro raccolti realizzando ben 5 prototipi e una banchina.

Le prove sono state spostate in Svizzera. «Voglio vedere queste bolle volare» avrebbe detto Alain Thébault, l’ inventore delle Sea Bubbles, che avrebbe rivelato che diverse grandi città del mondo figurerebbero già tra gli acquirenti dell’invenzione. Il prossimo aprile dovrebbe venir installata una linea pilota tra Ginevra e una città vicina. Sebbene la sperimentazione avverrà lontano dalla capitale francese, vi «torneremo», ha detto il padre delle ‘bolle’. Cinque “bolle”, integrate nella rete di trasporto, fungeranno da taxi su richiesta. Terminata la sperimentazione si potrebbe pensare ad un servizio molto simile a quello che Uber fornisce sulla terra ferma. 

(Video tratto dal canale Youtube Business Insider)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->