domenica, Aprile 11

In Africa crescita del Cristianesimo

0

Grande crescita di Cristiani in Africa, principalmente evangelici, rispetto alla maggioranza di quelli musulmani e di religioni locali tradizionali.

Come sta quindi il cristianesimo in questo avvio di terzo millennio? A giudicare dal grande numero di analisi, di sondaggi, di inchieste e di saggi sull’argomento, si direbbe che siano in molti a chiederselo. Un dato certo è che il cristianesimo è, dal punto di vista numerico, la prima religione al mondo. Questo dato dice molto sulla presenza del cristianesimo nel mondo, ma non dice nulla sul suo valore spirituale. Il dato statistico non permette di misurare l’effettiva adesione, la convinzione, la confessione personale della fede e l’impegno cristiani.
C’è chi sostiene che la qualifica di prima religione al mondo potrebbe essere tolta al cristianesimo dall’Islam, che diventerà forse la religione numericamente più importante. Dopodiché vale anche per l’Islam quello che si è detto del cristianesimo, e cioè che i numeri dicono poco o nulla sull’effettivo valore spirituale di una religione.
Il cristianesimo è ancora la religione dell’Occidente. Se in Europa e nelle Americhe le chiese dette ‘storiche’ registrano un calo dei loro effettivi fedeli e cresce l’analfabetismo religioso, in molti paesi del Sud del mondo, in Africa e in alcuni paesi asiatici come la Corea del Sud, il cristianesimo sta invece vivendo una forte espansione per alcuni fattori sociali che sono analizzati in questo video.

(tratto dal sito di ‘You Tube‘)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->