venerdì, Giugno 18

Impeachment Rousseff: c'è l'ok della Camera Questa notte la Camera ha deciso l'impeachment Rousseff, ora l'ultima parola passa al Senato

0

Poco dopo le 23,00 ora locale del Brasile, la Camera ha votato a favore del proseguimento del processo di impeachment del Presidente Dilma Rousseff.
La parola passa ora al Senato, che dovrà esprimersi per la messa sotto processo del Presidente oppure archiviare, secondo una procedura abbastanza celere. Malgrado fin da venerdì fosse evidente che per Dilma la partita si era fatta decisamente complicata, il risultato è stato incerto fino all’ultimo momento.
Per tutto il weekend, Dilma ha cercato di raccogliere il sostegno degli elettori indecisi, con l’ aiuto di ex Presidente  Inácio Lula da Silva, ma non è stato sufficiente per evitare che raggiunge il minimo di 342 voti necessario per l’apertura della procedura.

Il voto di impeachment arriva in mezzo a ondate di disordini sociali frutto di due anni di campagne contro la corruzione che vede protagonista la compagnia petrolifera Petroleo Brasileiro (Petrobras) e pezzi delle istituzioni. Rousseff non è accusata di illeciti in quella vicenda (nota come ‘Operazione Carwash’) o arricchimento personale, bensì è accusata di danneggiare la reputazione economica del Brasile, cercando di coprire il disavanzo pubblico.

In questo video, l’ultimo tentativo del Presidente, a poche ore dall’esito del voto, di difendersi dalle accuse di violazione della legge fiscale, che avrebbe compiuto nelle elezioni del 2014. Accuse che, in questi mesi, l’hanno messa al centro del dibattito politico e che, per Rousseff, non sarebbero altro che un imbroglio, a sue spese e ai danni del Paese. «L’accusa contro di me è la più grande frode legale e politica della storia del nostro Paese», afferma la Presidente. Poi, rivolgendosi ai cittadini: «Vi invito a difendere la legalità della nostra democrazia». L’impeachment, dunque, sarebbe solo «una scorciatoia per coloro che vogliono arrivare al potere» e che resteranno per sempre i traditori della democrazia.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->