lunedì, Luglio 26

Immigrazione: Salvini profugo a Mineo Politica: il Punto

0
1 2


Dal Cara di Mineo (CT) Matteo Salvini attacca Angela Merkel, le politiche del Governo italiano sui migranti e la gestione clientelare e mafiosa del fenomeno immigrazione. Imbarazzo comprensibile dalle parti di Matteo Renzi e Angelino Alfano a causa dell’inchiesta sul Centro di Accoglienza siciliano che coinvolge il sottosegretario Giuseppe Castiglione dell’Udc e rischia di mettere ko la risicata maggioranza parlamentare che sta tenendo in vita il renzismo. Unioni Civili (divenute nel frattempo ‘Formazioni sociali specifiche’): la relatrice della legge Monica Cirinnà promette tempi brevi per l’approvazione e conferma la stepchild adoction (adozione del figlio del convivente). L’ultrà cattolica alfaniana Paola Binetti parla di «ambiguità pericolosa» del Pd e Gaetano Quagliariello di «genitorialità surrogata». Jobs Act: il Cdm approva gli ultimi 4 decreti attuativi della riforma del Lavoro. Esultano il Ministro Giuliano Poletti e il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti. Ma il M5S parla di «attacco ai lavoratori». Ed è giallo sui tempi strettissimi lasciati (volontariamente?) al presidente della Repubblica Sergio Mattarella per emanare la legge. Il blog di Beppe Grillo pubblica un post che svela il flop di presenze all’Expo di Milano. Dopo le contestazioni subite a Don Bosco durante la manifestazione AntiMafia Capitale, il sindaco di Roma Ignazio Marino incontra il ‘prefetto ombra’ Franco Gabrielli in Campidoglio e sconfessa la versione dei fatti ufficiale fornita dal ministro Alfano il 27 agosto scorso: la Mafia a Roma non c’è più.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->