martedì, Maggio 18

Immigrazione e Guerra: il gioco (?) dei 4 cantoni La partita immigrazione nello spazio-frontiera Libia-Italia, con il rischio guerra; ecco i giocatori in campo

0

Ai quattro cantoni si gioca, come noto, in cinque. E cinque sono i protagonisti di quello che però non è un gioco, o se lo è è tanto pericoloso da rischiare di trasformarsi in tragedia: la partita dell’immigrazione nello spazio-frontiera tra Libia e Italia potrebbe infatti sfociare in una nuova guerra.
I tre che spadroneggiano garantendosi  comunque il controllo di un cantone sono gli ‘estremisti’, Nunzio Galantino, Paolo Gentiloni, Matteo Salvini. I due che si litigano il quarto cantone sono Roberto Maroni e Angelo Bagnasco.

Galantino vuole fare entrare tutti, e oggettivamente il suo laissez faire rende esplosiva la situazione, alimenta il rischio guerra. Gentiloni vuole bloccare il flusso di ingressi ma con una guerra dell’Occidente contro la Libia. Salvini concorda in fondo con Gentiloni:  vuole giustamente bloccare i flussi di ingresso, ma non ha sensibilità per le regole del diritto internazionale, è l’opposto speculare di Galantino: tutti fuori, con qualsiasi mezzo, anche quello minacciato dal Ministro degli Esteri del Governo Renzi.
Bagnasco avverte il pericolo della posizione di Gentiloni e invoca una ONU che non c’è. Ban Ki Moon, come noto, conta quando il 2 di briscola, ed è succube dei poteri finanziari evocati dal Presidente della CEI nel suo intervento a Genova . Segue Bagnasco l’ex Ministro Maroni. Lui concorda giustamente con Salvini, ma al contrario del nuovo leader della Lega, l’ex Ministro degli Interni -ingiustamente accusato dalla Louise Arbour, all’epoca dell’accordo con Muammar Gheddafi, il 30 agosto 2008, di violazione dei mitici ‘diritti umani’- ci tiene alla legalità internazionale. Non è solo  leader, sa comportarsi da statista. Niente guerra, no alla soluzione Gentiloni: l’ONU potrebbe-dovrebbe interporsi come da Statuto dell’ONU tra i due Paesi in conflitto, l’Italiaaggredita‘ da continui atti di guerra -i barconi di disperati gestiti dai criminali scafisti- e la Libiaaggressore‘ perché Tripoli e Tobruk non fanno nulla per fernarli.

Un cordone navale ONU di assistenza e nello stesso tempo di blocco dei migranti, da rispedire al mittente, oppure droni ONU contro i barconi ormeggiati, riprendendo in chiave di Palazzo di Vetro la proposta Mogherini di qualche mese fa: questo ci vorrebbe.

Ma il trend dominante è quello opposto, la guerra, con il supporto dell’estremismo irresponsabile della Caritas e di molta Chiesa. Forse solo se  Federica Mogherini entrasse in gioco a fianco di Maroni e Bagnasco, come nel suo stile, le cose potrebbero cambiare, ma dovrebbe essere Renzi a spingerla e a convincere Gentiloni a tacere parole inopportune.

In fondo lo spazio c’è: non solo Renzi, ma anche il Ministro degli Esteri ha condiviso in toto la via di Obama sull’accordo con l’Iran sul nucleare, Paese del quale lo stesso capo della Farnesina ha respinto l’usuale demonizzazione di chi trama sempre guerre, caos, odio tra i popoli e dentro i popoli. L’oltranzismo occidentale che tante guerre e disastri ha prodotto nell’ultimo quarto di secolo -e di cui la Caritas e Galantino sono la faccia speculare ‘buona’ – andrebbe bandito per sempre, anche sulla frontiera difficile del golfo della Sirte.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->