martedì, Dicembre 7

Immigrazione: che sviluppi? Le parole di Dimitris Avramopoulos, membro della CE, responsabile di migrazione, affari interni e cittadinanza

0

Per l’immigrazione saranno oltre 32.000 i ricollocamenti dei migranti in Europa. con l’accordo a cui si è arrivati lunedì, a Bruxelles, tra i 28 paesi della UE. Il piano iniziale della Commissione Europea ne aveva previsti di più, ma tra sei mesi ci sarà un nuovo incontro per fare il punto della situazione e cercare di raggiungere l’obiettivo, ostacolato da alcuni Paesi che hanno dato una disponibilità di accoglienza inferiore alle attese. I Paesi della UE hanno concordato di accogliere 32.256 persone sbarcate sulle coste italiane e greche (altre 2.500 trasferite poi sulla ridistribuzione) e altre 22.504 dai campi profughi fuori dall’Europa, per un totale di 54.760.

L’obiettivo della Commissione UE era inizialmente di 60.000 in due anni, dal prossimo incontro di dicembre. La Germania riceverà 10.500 rifugiati, la Francia 6.752 e i Paesi Bassi 2.047. Gran Bretagna e Danimarca non si erano impegnate a cooperare, mentre Austria e Ungheria hanno rifiutato di farsi carico delle quote. Per i campi profughi l’Italia ospiterà 1.989 persone, la Germania 1.600 e la Francia 2.375.

(tratto dalla sezione ‘Audiovisual Services’ della ‘Commissione Europea’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->